SHARE

blatter platini

Nonostante il fuoco incrociato proveniente da ogni dove ed una posizione giudicata dai più indifendibile anche all’interno della stessa FIFA, il presidente del massimo organismo calcistico mondiale, Sepp Blatter, annuncia di non avere alcuna intenzione di abbandonare la propria carica ottenuta per la quinta volta consecutiva nelle elezioni dello scorso 31 maggio e contrabbatte a chi lo critica, non curante del fatto che il suo nome sia stato iscritto nel registro degli indagati dagli inquirenti che intendono fare luce su presunti affari di gestione fraudolenta ed appropriazione indebita alla FIFA per un giro di centinaia di milioni di euro.

NON MI SCHIODO – L’ottantenne Blatter dichiara combattivo in un comunicato stampa: “Non ho commesso alcun atto illegale o che abbia violato la legge, e dal momento che niente di improprio mi si può contestare eccomi regolarmente al lavoro. Il 26 febbraio 2016 ci saranno nuove elezioni straordinarie per eleggere il presidente della FIFA ed io rimarrò in carica almeno fino a quel momento. Soldi versati a Platini? Solamente un semplice indennizzo, non c’è niente di losco dietro”.

TUTTO NORMALE – Blatter, interrogato dalle autorità svizzere venerdì scorso, ha dunque spiegato il pagamento versato all’ex juventino, attuale presidente della UEFA ed ormai suo ex sostenitore, al quale sono stati contestati quasi 2 milioni di euro ottenuti in modalità poco chiare. Blatter ha spiegato che quei soldi, corrisposti al francese nel 2011, sono il riconoscimento per il lavoro svolto tra il 1999 ed il 2002, come si legge nel suddetto comunicato: “Ho spiegato ai pubblici ministeri che quei soldi erano un semplice compenso e niente più, regolarmente registrato all’interno della FIFA”.

LE ROI DICE… – Nel frattempo Blatter è in attesa di giudizio anche da parte del Comitato Etico della FIFA, che pochi giorni fa ha decretato l’espulsione immediata del vicepresidente Jérôme Valcke sempre per comportamenti illeciti legati alla vendita a prezzi gonfiati dei biglietti per assistere alle gare delle ultime 5 edizioni dei Mondiali. E ha parlato anche Platini sulla vicenda che lo vede coinvolto: l’ex campione della Juventus ha affermato che presto chiarirà tutto con le autorità competenti, mostrando la piena disponibilità a colloquiare quanto prima con chi di dovere: “Ho appena scritto al comitato etico Fifa per chiedere di sentirmi per fornire tutte le informazioni per chiarire la questione”.

 

SHARE