SHARE

fiorentina-atalanta-ilicic

“La Fiorentina e Firenze volano in Serie A. I gigliati dominano per 3-0 un’Atalanta costretta a rimanere in dieci uomini dopo appena cinque minuti. Ilicic e Borja Valero sul taccuino dei marcatori per un serata che i tifosi dei toscani non dimenticheranno e che lancia Sousa e i suoi al primo posto solitario per le prossime due settimane. Nel finale grandissimo gol di Verdù”

CHIAVE TATTICA Match dai risvolti camaleontici in senso tattico quelli di Fiorentina-Atalanta, partita indirizzata dall’espulsione di Paletta al 5′ che costringe Reja a ridisegnare i suoi arretrando il raggio, sennò ben più offensivo, di Gomez; via Kurtic per Cherubin e bergamaschi chi si dispongono in campo con il 4-4-1. Sousa si tiene stretto il 3-4-2-1 di portoghese stampo, i viola però fluttuano continuamente alternando sia il 4-2-3-1 che il 4-4-2 con Kuba pronto ad alzarsi a destra e Bernardeschi a dare supporto a sinistra: a guadagnarci sono Borja Valero e Ilicic che si ritrovano con tantissimo spazio libero per inventare sulla trequarti della Dea. La Fiorentina fa sua la partita sfruttando le tante occasioni che l’Atalanta, per ragioni di cose, è costretta a concedere dopo lo svantaggio iniziale e l’addio di Paletta, una montagna da scalare per la truppa di Reja che comunque non demorde fino a quando la sostengono le forze e il dinamismo a metà campo.

IL MOMENTO Intorno alla mezz’ora del primo tempo. I bergamaschi, sebbene in dieci uomini e frastornati da un inizio match da far venire i brividi, sono in partita e ci provano contro una Fiorentina che stenta non poco a trovare il raddoppio; gli uomini di Reja portano pressing alto sui portatori di palla dei viola che peccano spesso e volentieri di momentanee amnesie. Borja Valero perde un brutto pallone sulla trequarti campo con i toscani scoperti, si infila tra le linee Maxi Moralez, ben servito da Gomez, il piccoletto argentino scarica in porta ma Tatarusanu è prodigioso e mura con il corpo. Dopo appena tre minuti Bernardeschi inventa per il todocampista spagnolo che si ritrova a due passi da Sportiello, 2-0 e risultato in ghiaccio. Di lì in poi la partita si raffredda, ritmi più blandi e ospiti che si lasciano andare davanti alla cadenza degli eventi.

I PROTAGONISTI Prova compatta quella della truppa viola, bene tutti per un risultato incredibile che spinge la Fiorentina a vivere le prossime due settimane a guardare tutti dall’alto della classifica. I gigliati possono vantare un manipolo di protagonisti: Blaszczykowski, Bernardeschi, Alonso e Ilicic. Nota di merito per lo sloveno capace di andare ancora in gol, sebbene su calcio di rigore; fantastico l’impatto in squadra per Kuba, una vera e propria spina nel fianco della retroguardia bergamasca, è lui che si procura il rigore e l’espulsione che cambiano la partita. Per gli ospiti bene il solito Gomez, costretto a indietreggiare in seguito al provvedimento di inizio gara dell’arbitro, l’argentino si da un gran da fare per rendersi pericoloso quando chiamato in causa. Male Paletta, lasciare i suoi in dieci per oltre 85 minuti è da ritenersi scelta fin troppo sconsiderata.

LA GIOCATA La regia di Bernardeschi che entra nei gol che aprono e chiudono il match. Il numero 10 viola mette davanti alla porta sia Blaszczykowski che Borja Valero con il medesimo gioco al limite dell’area di rigore dell’Atalanta: nel primo caso la palla è scucchiata, nel secondo filtrante a pelo d’erba, il risultato però non cambia. Saggio il gioco fra le linee del canterano fiorentino, visione di gioco e concretezza, Firenze ha tra le mani un predestinato del calcio. Ciliegina per Kalinic: splendido il suggerimento “no look” nel finale che Verdù tramuta in rete da cineteca.

Tabellino Fiorentina-Atalanta

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu 6,5; Gonzalo Rodriguez 6, Tomovic 6, Astori 6; Marcos Alonso 7, Badelj 6,5, Blaszczykowski 6,5, Borja Valero 6,5 (82′, Mati Fernandez sv); Ilicic 7 (74′, Verdù 6,5), Bernardeschi 7 (66′, Vecino 6); Kalinic 6,5. All. Sousa

Atalanta (4-3-3): Sportiello 6; Toloi 5, Masiello 5, Paletta 4,5, Dramè 5; Kurtic sv(5′, Cherubin 5,5), De Roon 5 (80′, Carmona sv), Grassi 5,5; Gomez 6, Moralez 5, Denis 5 (46′, D’Alessandro 5,5). All. Reja

Gol: Ilicic 5′, Borja Valero 33′, Verdù 90′

Ammoniti: Masiello, Toloi

Espulsi: Paletta

IL MIGLIORE Ilicic: Lo sloveno continua ad andare in gol con una “media minuti” da far paura, roba da Batistuta, tanto per citare un precedente scomodo del passato. Freddo dagli undici metri dopo appena 5 minuti di gioco, bravissimo nelle conclusioni da fuori e sui calci piazzati. Finalmente Top Player? Voto 7

Stefano Mastini

SHARE