SHARE

fiorentina-atalanta

Diramate le formazioni ufficiali del posticipo del Franchi di Firenze Fiorentina-Atalanta, sfida valevole per la 7° giornata di Serie A 2015/16.
Formazioni ufficiali Fiorentina-Atalanta

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Gonzalo Rodriguez, Tomovic, Astori; Marcos Alonso, Badelj, Blaszczykowski, Borja Valero; Ilicic, Bernardeschi; Kalinic. All. Sousa

Atalanta (4-3-3): Sportiello; Toloi, Masiello, Paletta, Dramè; Kurtic, De Roon, Grassi; Gomez, Moralez, Denis. All. Reja

Fiorentina-Atalanta, le sensazioni
Sousa – “L’Atalanta viene da due vittorie consecutive e veramente non abbiamo avuto il minimo tempo per preparare questa sfida. Loro sì: sono molto organizzati ed hanno giocatori importanti. Detto questo siamo in un momento positivo e vogliamo continuare così. Abbiamo ancora qualche giocatore acciaccato, ci siamo allenati con intensità bassa come è ovvio in un periodo così anche se prima delle partite in genere amo lavorare sull’intensità. Sfruttiamo tutte le ore che rimangono prima della partita per recuperare il massimo delle forze. Noi vogliamo continuare a lavorare sui nostri principi di gioco. L’entusiasmo c’è, ma dobbiamo pensare solo a trovare la giusta concentrazione. Per vincere dovremo essere al nostro miglior livello. Vogliamo crescere rispettando i nostri avversari e soprattutto la nostra identità comune. Essere primi? E’ già un tasto motivazionale incredibile. Restare lassù è un’altro aspetto importante. Sognare è sempre il primo passo per arrivare a qualsiasi traguardo. Sognare fa bene, non male. Ed i tifosi fanno bene a farlo. Se ottieni buoni risultati trovi convinzione in quello che fai ed aumenta la serenità. La squadra sta imparando a prendere le migliori decisioni dentro la partita. Anticipando ciò che può accadere. La lettura della partita è il progresso che mi rende più orgoglioso insieme alla comunicazione interna fra i calciatori”.

Reja – “Quello di Firenze sarà un bel tappone dolomitico, che misurerà la vera forza dell’Atalanta. La Fiorentina mi ha impressionato, lotterà per i primi posti fino alla fine. I viola verticalizzano sempre, ad altissima velocità. Segno che sanno sempre cosa fare. Vuol dire che l’insegnamento tattico è quasi perfetto. Complimenti a Sousa, nessuno si aspettava questi risultati. E complimenti a Della Valle, che ha iniziato un percorso di grande livello organizzativo. In questi anni non hanno mai sbagliato uomini. Kalinic è straordinario, me ne parlavano già ai tempi dell’Hajduk. Era bravo ma un po’ pigro, ora invece è maturato. E poi hanno recuperato quel gran talento di Rossi. Ma attenzione, noi non vogliamo essere da meno. Un pari domani? Firmare no, però un risultato utile vorrebbe dire che ci siamo davvero. Bello questo scontro al vertice. La classifica ci gratifica, ma non siamo venuti fuori per caso. I risultati sono frutto di una programmazione. Però abbiamo ancora bisogno di verifiche, stiamo calmi e tranquilli. Bisogna sempre migliorare. Finora il calendario ci ha favorito e noi lo abbiamo saputo sfruttare bene. Tentiamo sempre di non dare riferimenti offensivi, ai miei chiedo di cambiare spesso posizione, di giocare tra le linee. I ragazzi stanno bene, speriamo di reggere “.

Stefano Mastini

SHARE