SHARE

CQekPW6WwAASk-x

Dopo la brutta sconfitta subita contro il Bate Borisov in Champions League, la Roma riparte dal campionato battendo allo Stadio Renzo Barbera un Palermo in grande difficoltà, soprattutto nel primo tempo: prima parte di gara dominata dai giallorossi, che vanno al riposo sul risultato di 0-3. Nel secondo tempo viene fuori il Palermo grazie al contributo del subentrato Gilardino, che trova la sua prima rete in rosanero, poi è González ad accorciare le distanze. Per la Roma in rete Pjanic, Florenzi e due volte Gervinho. Palermo-Roma finisce 2-4. La squadra di Garcia ritrova fiducia dopo il brutto arresto in Champions. E’ crisi di risultati per gli uomini di Iachini, che devono ripartire dalla bella reazione del secondo tempo e ritrovare i punti persi per strada.

CHIAVE TATTICA – Iachini schiera in campo il suo Palermo con un 4-3-1-2: in porta va Sorrentino, davanti a lui Struna, González, El Kaoutari e Lazaar. In mezzo al campo Chochev, Jajalo e Rigoni, mentre in avanti lo svedese Hiljemark agisce alle spalle del duo Trajkovski-Vázquez. Piena emergenza per la Roma, con Rudi Garcia che adotta il solito 4-3-3, ma con interpreti diversi: Szczesny torna in porta, davanti a lui la linea difensiva è composta da Torosidis, Manolas, De Rossi e Digne, con Florenzi spostato a centrocampo insieme a Nainggolan e Pjanic. In attacco il trio di brevilinei composto da Salah, Gervinho e Iago Falque. Fischio d’inizio, passano appena due minuti e la Roma colpisce subito: grande azione dei giallorossi, scambio veloce nello stretto tra Pjanic e Florenzi con il romano che manda in porta il centrocampista bosniaco, il quale batte Sorrentino con un tocco morbido. Il Palermo sbanda ma non indietreggia, creando subito due occasioni da gol con Vázquez e Rigoni, ma la Roma si salva. Al 13′ è ancora la squadra di Garcia a trovare il gol, questa volta con Florenzi: dopo una ripartenza di Salah, un tiro sporco di Pjanic finisce tra i piedi di Florenzi che, tutto solo al centro dell’area di rigore, prende la mira e fredda il portiere rosanero. Intorno alla mezz’ora del primo tempo i ritmi sembrano già molto più blandi rispetto ad inizio gara, con la Roma sempre a controllare il match. Il Palermo è in bambola, la difesa inesistente e al 27′ minuto è Gervinho a siglare la rete dello 0-3 con una splendida azione personale. Due minuti dopo Vázquez colpisce una traversa dagli sviluppi di calcio da fermo. E’ un assedio giallorosso, Sorrentino fa quello che può prima su Nainggolan e dopo su Pjanic, poi Damato fischia la fine della prima parte di gara.

Il secondo tempo inizia con un Palermo più offensivo. Iachini manda in campo Gilardino al posto di Jajalo, ma è sempre la Roma ad avere il pallino del gioco. Al 58′ minuto, però, il Palermo passa: pallone sulla trequarti a Vázquez che vede il movimento di Gilardino a tagliare verso la porta, palla al bacio stoppata dall’attaccante che mette a sedere De Rossi e batte Szczesny. Dopo la rete di Gilardino il Palermo prende fiducia e torna in partita, la Roma indietreggia. I rosanero sono padroni del campo e si rendono pericolosi in diverse occasioni, la Roma tiene e colpisce una traversa con un’invenzione di tacco del solito Gervinho. Negli ultimi minuti succede di tutto: prima il difensore rosanero González accorcia le distanze, poi pochi secondi dopo sempre Gervinho trova la rete del 2-4 finale dopo l’ennesima grande giocata. Finisce così la gara, la Roma vince pur soffrendo nella ripresa. Il Palermo alza la testa nel secondo tempo, ma esce tra i fischi dei propri tifosi.

I PROTAGONISTI – E’ un monologo giallorosso quello andato in scena oggi al Renzo Barbera, almeno nella prima parte di gara. Buona prova per Pjanic, che fa gol dopo appena due minuti e si riprende il centrocampo, dettando i tempi della manovra giallorossa. Florenzi è l’uomo in più della Roma: assist preciso per la prima rete, è un cecchino nell’occasione della realizzazione personale, poi tanta corsa e dinamismo. Dopo la rete in Champions contro il Bate Borisov, schierato nell’insolito ruolo di prima punta, Gervinho finisce nuovamente nel tabellino marcatori, questa volta dopo una bellissima azione personale. Sul finale di gara, dopo la seconda rete del Palermo, l’attaccante realizza la rete del definitivo k.o., che blocca i sogni di rimonta dei rosanero. L’ivoriano sembra essere tornato il giocatore devastante ammirato qualche tempo fa, Garcia gongola. Tra le fila del Palermo il portiere Sorrentino fa quello che può, chiudendo la porta in diverse occasioni ed evitando un passivo più grave, ma nulla può sulle reti subite. Il Palermo è solo Vázquez, che prova ad impensierire da solo la retroguardia giallorossa: colpisce una traversa e si rende protagonista di diverse ripartenze, suo anche il bellissimo assist per la rete di Gilardino. L’attaccante, mandato in campo da Iachini ad inizio ripresa, trova il suo primo gol in maglia rosanero e da una scossa ai suoi, ma non basta per ribaltare il risultato. Bene anche Quaison, che con la sua velocità e la sua freschezza mette in apprensione la difesa giallorossa nella ripresa.

IL MOMENTO – Gli ingressi in campo prima di Gilardino e poi di Quaison cambiano la partita per il Palermo. Gli uomini di Iachini, in bambola per tutta la prima frazione di gioco, si svegliano nella ripresa guidati dall’esperienza di Gilardino e dalla freschezza del giovane svedese. Palermo che ci prova fino all’ultimo minuto, accorciando anche le distanze con il difensore González, ma il rapido capovolgimento di fronte e la repentina rete di Gervinho bloccano i sogni di gloria della truppa di Iachini.

LA GIOCATA – E’ il 27′ minuto del primo tempo, i ritmi sono calati e la Roma ha il controllo del gioco, ma il fulmine Gervinho si abbatte improvvisamente sul Barbera. L’ivoriano si mette in proprio e controlla palla sull’out di sinistra, avanza verso l’area di rigore, salta due avversari e, dopo un’ ultima finta a spiazzare il difensore, fa partire un destro a giro che si insacca nell’angolo alto alle spalle di Sorrentino.

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

Palermo-Roma 2-4 ( 2′ Pjanic, 13′ Florenzi, 27′ Gervinho, 58′ Gilardino, 90′ González, 91’Gervinho ) 

PALERMO:  Sorrentino 6; Struna 5.5 ( 85′ Rispoli s.v.), González 5.5, El Kaoutari 5, Lazaar 5.5; Chochev 5, Jajalo 5.5 (46′ Gilardino 7), Rigoni 5.5; Hiljemark 6; Trajkovski 5 (58′ Quaison 6.5), Vázquez 6.5 All.: Iachini

ROMA: Szczesny 6; Torosidis 6, Manolas 6, De Rossi 6, Digne 6.5; Florenzi 7 (82′ Gyomber s.v.), Nainggolan 6, Pjanic 6.5; Salah 6 (75′ Ucan 6), Gervinho 7.5, Iago Falque 6 (65′ Emerson Palmieri 5.5) All.: Garcia

ARBITRO: Damato (Barletta)

Ammoniti: Nainggolan, Hiljemark, Chochev, Struna, Gilardino, Emerson P., Manolas

SHARE