SHARE

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è intervenuto ai microfoni di “Tiki Taka”: “Lo 0-4 al Milan? Un regalo ai napoletani che subiscono gli sfottò dei colleghi. Le prime partite sono sempre un punto interrogativo: ci vogliono nervi saldi, anche i media se la sono presa con lui. Sono rimasto conquistato da Sarri, per questo ho chiesto che se la prendessero con me e non con lui. Scudetto? Tifosi possono dire ciò che vogliono, io devo rimaner con i piedi per terra perché faccio attenzione alle insidie. Insigne è l’esponente perfetto della napoletanità, ora ha anche il fiuto del gol da quando Sarri lo ha messo nel 4-3-3. Dopo Benitez avevo pensato a Klopp e uno spagnolo, poi Sarri e Mihajlovic: mi piaceva il suo piglio forte. Mihajlovic mi affrontò educatamente la seconda volta che ci vedemmo, mi dissi che avevo bisogno di un umile professore. Il contratto di un anno a Sarri? Si inventano cose per cazzeggiare:  ho fatto un contratto al mio allenatore come faccio nel cinema: ossia di un anno più un’opzione un altro anno per cinque consecutivi. Ogni anno, ho il diritto di esercitare l’opzione per riconfermare il tecnico”.

SHARE