SHARE
You'll never walk alone kop

kop liverpool

In seguito al pareggio nel derby di Liverpool contro l’Everton e più in generale per un avvio di stagione decisamente sottotono, Brendan Rodgers è stato sollevato dall’incarico di allenatore dei ‘Reds’, ora a caccia di un nuovo manager. Sembra ormai questione di ore prima che l’ex Borussia Dortmund, Jurgen Klopp, firmi un nuovo contratto da allenatore per il Liverpool dopo diversi mesi di assenza da una panchina di club. Oltre al tecnico tedesco però la dirigenza del club inglese ha dovuto fare i conti con una candidatura pesante proveniente addirittura dal mondo dei videogame. Si tratta infatti di Mr. Kneale, videogiocatore di FIFA 15 in grado di portare il Portsmouth dalla Second Division ai successi in Premier League e Champions League in appena 4 stagioni. Seppur si tratti di un semplice videogioco di calcio, la candidatura di Mr. Kneale non può di certo essere ignorata visto il ricchissimo palmares e così il Liverpool ha pensato bene di inviare una lettera ufficiale di risposta al ragazzo firmata addirittura dal CEO del club Ian Ayre.

GRAZIE MA CERCHIAMO ALTRO – Ecco la risposta dei ‘Reds’: “Caro Mr. Kneale, la ringraziamo per la sua recente candidatura in merito all’attuale posizione vacante di manager del Liverpool FC.

Sfortunatamente però non possiamo accoglierla perché siamo alla ricerca di qualcuno con più esperienza nel calcio professionistico. In merito all’esperienza che avete documentato, guidando il Portsmouth dalla Seconda Divisione fino a vincere la Premier League e la Champions League in 4 stagioni con FIFA 15, non è il tipo di esperienza di cui siamo alla ricerca in questo momento. In ogni caso, ti ringraziamo per il tuo interesse e ci auguriamo di sentirti presto in futuro. Cordiali saluti, Ian Ayre”.

Richiesta bizzarra ma risposta decisamente inaspettata quella della dirigenza del Liverpool che non ha esitato ad assecondare Mister Kneale, magari deluso per il no dei ‘Reds’, ma sicuramente contento per la conclusione della vicenda. Ecco di seguito la lettera di risposta della società britannica:

lettera liverpool

SHARE