SHARE

Alessandro Parisi

Il Messina torna alle origini. Operazione nostalgia in casa siciliana, che dopo lo storico bomber Di Napoli in panchina comunica ufficialmente il ritorno di un altro ex, il difensore Alessandro Parisi. Il Messina ha reso noto l’ingaggio del terzino palermitano attraverso un comunicato ufficiale apparso sul sito web della società. Confermate, dunque, le parole del direttore sportivo Christian Argurio, il quale aveva anticipato giorni fa una possibile chiusura della trattativa. Questo il comunicato ufficiale: “L’ACR Messina rende noto di aver perfezionato il contratto per il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Alessandro Parisi. Difensore, nato a Palermo il 15/04/1977 nella sua carriera ha militato nell’US Città di Palermo, nel Trapani Calcio, nell’AC Reggiana, nell’US Triestina, nel FC Bari e nel Torino FC. Ritorna a vestire la casacca biancoscudata dopo averla già indossata dalla stagione 2003/2004 fino alla stagione 2007/2008. La ratifica del tesseramento permetterà ad Alessandro Parisi di essere a disposizione di Mister Di Napoli dall’incontro Fidelis Andria-Messina in programma sabato 17 ottobre 2015”.

Alessandro Parisi, terzino classe 1977, ha ormai scontato la lunga squalifica che l’ha tenuto per diverso tempo lontano dai campi da gioco ed è pronto a ripartire dalla sua Messina. Tornerà in campo con la maglia della società che più ha amato e alla quale deve tanto: nel 2004 l’esordio in serie A in maglia biancoscudata, poi la convocazione con la Nazionale Italiana. L’esordio di Parisi è, però, rimandato: la data indicata come buona per il suo ritorno in campo doveva essere l’11 ottobre, in occasione della gara contro il Matera, ma tutto sarà posticipato di una settimana in quanto lo stop per il giocatore sarà valido fino alla mezzanotte di questa domenica. Parisi sarà a disposizione per la gara contro l’Andria di sabato prossimo allo Stadio “Degli Ulivi”. La squadra siciliana riparte dall’esperienza di una vecchia conoscenza, Alessandro Parisi: un ritorno al passato per un Messina che guarda al futuro. 

SHARE