SHARE

Camisas-do-Wolfsburg-2015-2016-Kappa

Prospettive incertissime, crollo dei titoli e sedici miliardi e mezzo di euro per richiamare tutte le auto coinvolte nello scandalo. La crisi della Volkswagen, nata per la scoperta di dati truccati sulle emissioni dei motori diesel, ha aperto una grandissima ferita nella città di Wolfsburg e nel medesimo club tedesco, di proprietà dell’azienda automobilistica. Un legame indissolubile, una città-fabbrica dove l’azienda proprietaria del Wolfsburg dal 2007 è sempre stata faro guida della popolazione e che finora aveva consentito al club di calcio di poter beneficiare di circa 100 milioni di investimenti da parte del colosso automobilistico. Ora però la crisi provocherà un forte ed inevitabile ridimensionamento. Nonostante le dichiarazioni di facciata dei vertici dell’azienda e le smentite di tagli o sacrifici del personale, l’appoggio, finora solido, delle casse della Volkswagen mancherà al club. La prima avvisaglia è arrivata quest’oggi dal direttore sportivo dei Lupi, Klaus Allofs, che in una dichiarazione ufficiale ha comunicato ai giornalisti l’impossibilità di dar luce, al progetto previsto, del centro sportivo dedicato al settore giovanile: “Penso che sia meglio accantonare il progetto, almeno per il momento. Questo non è il momento giusto per investire, bisogna usare il buon senso“.

Il peso delle multe, a cui la Volkswagen dovrà far fronte, non permette un esborso economico così importante. Si parla di circa quaranta milioni di euro per costruire il centro sportivo per il settore giovanile, una struttura all’avanguardia per dare un futuro roseo alla squadra ma che ormai è accantonato. E così il Wolfsburg fa un passo indietro, sperando in tempi migliori. Una scelta che fa tremare i tifosi e i dirigenti del Wolfsburg, ma anche quelli di mezza Bundesliga. Infatti, se i supporters dei Lupi temono per un possibile taglio della sponsorizzazione, non si può sottovalutare che la Volkswagen possieda anche azioni del Bayern Monaco. Ma ciò che più preoccupa è che la casa automobilistica è partner della Coppa di Germania, ha interessi nell’Ingolstadt e sponsorizza molti altri club della massima divisione. Se gli investimenti della Volkswagen nel calcio tedesco dovessero diminuire, la sua crisi potrebbe coinvolgere incredibilmente tutto il movimento. Nel frattempo il Wolfsburg è reduce da tre sconfitte e un pareggio in Bundesliga e occupa attualmente il nono posto a pari punti con il Mainz.

SHARE