SHARE
Premier League 2015/16
Premier League 2015/16

premier league

Tutte come nelle previsioni, o quasi. Il nono turno di Premier League, che vedrà tra oggi e domani sera le sue ultime due appendici, ha rispettato tendenzialmente i pronostici della vigilia, con le grandi tutte vittoriose, salvo il pareggio senza reti al White Hart Line tra Tottenham e Liverpool (per la prima volta con Jurgen Kloop in panchina). Perentoria dimostrazione di forza della capolista Manchester City che demolisce in casa la matricola Bournemouth grazie alla prima tripletta in carriera di Sterling e alla doppietta di Bony (in campo al posto dell’infortunato Aguero); i Citizens conservano dunque due lunghezze di vantaggio su Arsenal e Manchester United, dirette rivali per il titolo.

I Gunners di Arsene Wenger strapazzano il Watford grazie a un Alexis Sanchez sempre più decisivo e al solito implacabile Giroud, mentre gli uomini di Van Gaal ritrovano il successo sul difficile campo dell’Everton con una condotta di gara impeccabile e chiudendo la partita già dopo 22’ di gioco. Dietro continua lo splendido momento del West Ham che, trascinato da Payet, batte il Crystal Palace e si conferma quarta forza del torneo; ancora una grande prova per il Leicester di Claudio Ranieri, capace di rimontare in extremis il doppio svantaggio maturato sul campo del Southampton di Graziano Pellè, ieri a secco. Torna a vincere dopo due gare il Chelsea di Mourinho, che ritrova la vena realizzativa di Diego Costa; ko il Sunderland, cui non ha giovato la cura Allardyce; senza reti invece il match tra Spurs e Liverpool, nell’esordio di Kloop alla guida dei Reds. Ancora tanto lavoro da fare per il tecnico tedesco, comunque uscito indenne dalla temibile trasferta londinese. Nel match della domenica, giocato alle ore 17 italiane, il Newcastle asfalta letteralmente il povero Norwich City. Eroe di giornata è l’olandese Georginio Wijnaldum, autore addirittura di 4 reti (così come Neymar sempre questo weekend) che aggiunte a quelle di Mitrovic e Perez fanno un totale di 6. Nonostante gli ospiti abbiano tirato di più (18 a 11) e con un possesso palla maggiore (56% a 44%) i padroni di casa sono stati in grado di trasformare tutto ciò che toccavano in oro. I bianconeri quindi provano, soprattutto dal punto di vista psicologico, a ripartire e a scalare la classifica che li vede ancora 18esimi a soli 6 punti, con i canarini a 9. Nel posticipo del lunedì è l’ex Milan e Roma Bojan Krkic a regalare la vittoria allo Stoke City: il suo rigore permette ai biancorossi di superare lo Swansea e di riscavalcare il Chelsea in classifica.

Premier League, 17 ottobre

Tottenham-Liverpool 0-0

Chelsea-Aston Villa 2-0 (34’ Diego Costa, 54’ aut. Hutton)

Crystal Palace-West Ham 1-3 (22’ Jenkinson, 25’ Cabaye rig. , 88’ Lanzini, 94’ Payet)

Everton-Manchester United 0-3 (18’ Schneiderlin, 22’ Herrera, 62’ Rooney)

Manchester City- Bournemouth 5-1 (7’, 29’, 48’ Sterling, 11’, 89’ Bony, 22’ Murray)

Southampton-Leicester 2-2 (21’ Fonte, 34’ Van Dijk, 66’, 91’ Vardy)

Watford-Arsenal 0-3 (62’ Sanchez, 68’ Giroud, 74’ Ramsey)

West Bromwich-Sunderland 1-0 (54’ Berahino)

18 ottobre

Newcastle-Norwich City 6-2 (14′-26′-66′-85′ Wijnaldum, 20′ Mbokani, 33′ Perez, 34′ Redmond, 64′ Mitrovic)

19 ottobre

Swansea-Stoke City 0-1 (4′ rig. Bojan)

SHARE