SHARE

Astana

Decisione drastica del tecnico dell’Astana: in Champions League contro l’Atletico Madrid scenderanno in campo le riserve. Al campionato la priorità.

 

Una questione di priorità, ma anche un po’ di “follia”. Sembrano essere queste le motivazioni che porteranno l’Astana ad una decisione clamorosa, ovvero quella di affrontare il prossimo match di Champions League contro l’Atletico Madrid con un mucchio di riserve in campo. Ma procediamo con ordine.

L’Astana, squadra militante nel campionato kazako, si è qualificata a questa edizione della Champions League eliminando nei turni preliminari rispettivamente Maribor, Helsinki e Apoel Nicosia. Una qualificazione storica, la prima di una squadra del Kazakistan alla massima competizione europea per club. Il sorteggio non poteva che essere ovviamente molto ostico: l’Astana si trova nel raggruppamento C insieme a tre squadre, sulla carta, molto più forti come Atletico Madrid, Benfica e Galatasaray. Nelle prime due giornate sono arrivate una sconfitta in Portogallo e un pareggio in extremis in casa contro i turchi. Il prossimo impegno al Calderon, però, potrebbe risultare solo una gita in Spagna per la Cenerentola del girone. Ad anticiparlo è proprio l’allenatore della compagine, Stanimir Stoilov, che ha candidamente ammesso di voler puntare sul campionato in questo momento, sacrificando la più blasonata gara di coppa. L’Astana, infatti, dovrà giocare il prossimo turno del suo torneo nazionale contro la capolista Kairat, che in questo momento si trova a +5 dal team della capitale a quattro giornate dal termine. Ultime chance di rimonta per l’Astana, con il tecnico disposto a prendere decisioni drastiche pur di raggiungere l’obiettivo: “Riserveremo tutte le nostre forze per battere il Kairat, siamo realisti e coscienti che l’Atletico è superiore. Cercheremo di fare del nostro meglio, ma dobbiamo pensare alla squadra perché poi avremo una gara molto importante e vogliamo avere tutti a disposizione”.

Delle dichiarazioni che sanno di resa ma che mettono in evidenza la voglia di lottare nel campionato kazako del club. A Simeone di certo non farà dispiacere, ma il campo ci ha insegnato che la sorpresa è sempre dietro l’angolo: servirà comunque concentrazione per avere la meglio sull’Astana.

SHARE