SHARE

gabbiadini

Midtjylland-Napoli termina 4-1 per gli azzurri. Sontuosa prestazione degli uomini allenati di Sarri, letali nel primo tempo con Callejon e Gabbiadini (doppietta per lui) e bravi a congelare il risultato nella ripresa. In pieno recupero timbra il cartellino anche Gonzalo Higuain subentrato nella ripresa;  volenterosi e intraprendenti i danesi che pagano però il netto divario tecnico. Per la prima volta il Napoli fa 3 su 3 in Europa.

Analisi tattica – Sarri cambia sei pedine rispetto alla vittoria di domenica contro la Fiorentina proponendo Manolo Gabbiadini al posto di Gonzalo Higuain e Omar El Kaddouri sulla sinistra pronto a sostituire Lorenzo Insigne. Il Midtjylland si presenta con uno scolastico 4-4-2 e deve rinunciare alla stella Sisto ma comunque approccia con grande entusiasmo e buona aggressività il match, cercando di imporre un altissimo pressing. Il Napoli tiene bene e fa valere la maggiore fisicità rispetto alle giovani ali dei danesi e pian piano inizia a prendere il giusto ritmo. Dopo un paio di conclusioni innocue dei padroni di casa arriva il primo affondo azzurro che si tramuta subito nel gol del vantaggio: lancio perfetto di Koulibaly dalla difesa per Callejon, che trova al volo un pallonetto delizioso che scavalca il portiere. La rete ferma i danesi e il Napoli non perdona: al 31′ splendida azione corale degli azzurri sulla destra con Callejon per Allan che serve Maggio, il terzino restituisce ancora ad Allan che crossa al centro per Gabbiadini, bravo a colpire quasi di suola e trovare il 2-0. Passano otto minuti e l’ex Sampdoria pesca il tris con un gol capolavoro: controllo, conclusione dai venticinque metri e palla imparabile all’incrocio dei pali. Il Napoli è padrone assoluto del campo, i danesi calano il ritmo ma riescono a trovare il gol del 3-1 sugli sviluppi di un calcio d’angolo: tiro da fuori area di Royer che trova Pusic a due passi dalla porta e bravo a trovare il 3-1. Quasi allo scadere Callejon va vicinissimo al poker con un destro liftato che colpisce in pieno la traversa. Nella ripresa il Napoli punta a congelare il risultato, Sarri inserisce anche Hamsik ed Higuain per aumentare il tasso tecnico e tenere lontano i danesi mentre il Midtjylland fa entrare Onuachu e Mabil che portano un po’ di vivacità. Il Napoli regge l’urto nonostante un netto calo di concentrazione nel finale e in pieno recupero chiude il risultato con Higuain, ben servito da El Kaddouri.

I protagonisti – Callejon e Gabbiadini salgono in cattedra nel primo tempo lasciando un segno decisivo nel match. Lo spagnolo pesca un vero gioiello che sblocca il risultato mentre l’attaccante italiano stende con un uno-due micidiale le resistenze dei padroni di casa. Nel Midtjylland buona prestazione di Royer, tenace e sempre propositivo, così come Mabil entrato nella ripresa e in grado di impattare il match con  grande efficacia.

Il momento – Nel secondo tempo il calo di concentrazione poteva costare caro agli azzurri, fondamentale al 76′ il salvataggio sulla linea di Koulilbaly su tiro a botta sicura di Royer che spegne ogni tentativo di rimonta dei danesi

La giocata – Impossibile non citare il gol di Callejon, pallonetto di prima che sblocca il match, e la seconda realizzazione da vero fuoriclasse di Manolo Gabbiadini, un destro all’incrocio dai venticinque metri.

Tabellino e pagelle Midtjylland-Napoli 
Midtjylland (4-4-2): Andersen 5,5; Romer 5, Hansen 5,5, Sviatchenko 6, Novak 5,5; Royer 6,5, Sparv 6, Poulsen 5,5, Dueland 5,5 (al 73’ Larsen sv); Pusic 6 (al 62’ Onuachu 5,5), Rasmussen 5 (al 73’ Mabil 6,5). In panchina: Raahauge, Akintola, Banggaard, Lauridsen. Allenatore: Jess Thorup

Napoli (4-3-3): Reina 6,5; Maggio 6, Chiriches 6, Koulibaly 6,5, Ghoulam 6,5 (all’80’ Strinic sv); Allan 6,5 (al 59’ Hamsik 6), Valdifiori 6, Lopez 6; Callejon 7 (al 64’ Higuain 6,5), Gabbiadini 7,5, El Kaddouri 6,5. In panchina: Gabriel, Albiol, Jorginho, Insigne. Allenatore: Maurizio Sarri

Marcatori: Callejon (N) 20’, Gabbiadini (N) 32’, Gabbiadini (N) 40’, Pusic (M) 44’, Higuain (N) 94′
Ammoniti: Napoli – Koulibaly

 

SHARE