Inter-Frosinone, formazioni ufficiali: Mancini cambia tutto

Inter-Frosinone, formazioni ufficiali: Mancini cambia tutto

Inter-Frosinone

Il tredicesimo turno del campionato di serie A va in archivio col posticipo del Meazza: scendono in campo, alle ore 20 e 45, Inter e Frosinone. La squadra di Roberto Mancini vuole preservare la vetta della classifica mentre i ciociari sono chiamati a confermare i progressi mostrati nelle ultime settimane.

INTER-FROSINONE: FORMAZIONI UFFICIALI

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Murillo, Telles; Melo, Kondogbia; Biabiany, Jovetic, Ljajic; Icardi. All.: Mancini.

FROSINONE (4-4-2): Leali; Rosi, Diakité, Blanchard, Crivello; Paganini, Sammarco, Gori, Soddimo; Ciofani D., Castillo. All.: Stellone.

INTER-FROSINONE: LE DICHIARAZIONI DELLA VIGILIA

Così Mancini

“Per funzionare, Icardi e Jovetic intanto devono giocare insieme, nelle ultime due gare non lo hanno fatto ed è colpa mia. Icardi e Jovetic devono cercarsi di più, ma la squadra può essere sfida anche con loro due in campo. I tanti cambi di formazione? Se cambiare ci permette di vincere, sono disposto a farlo sempre. Devo tenere conto di tanti fattori, ma avere tutti sulla corda è un bene perché durante la stagione possono capitare infortuni e squalifiche. Stellone ha già dato la formazione? Intanto bisogna vedere se è vero… Io devo ancora valutare i sudamericani reduci dalle nazionali, posso dirvi soltanto che giocano Handanovic, Nagatomo, Kondogbia e Melo. Ma attenti al Frosinone, questa è una gara trappola: il Frosinone è una squadra quadrata che ha messo in difficoltà diverse grandi, come Juve, Lazio e Sampdoria. Queste sono le partite più difficili: si pensa che siano semplici, invece presentano molte difficoltà”.

Così Stellone

“Andiamo a San Siro per cercare di metterli in difficoltà, nel calcio non c’è niente di scritto. I nerazzurri non segnano moltissimo, ma al minimo errore commesso possono segnarti. Soprattutto sanno concedere poche occasioni da gol. Noi proveremo a ripartire in contropiede. Stiamo facendo un’ ottima stagione, quello che ci manca è riuscire a fare più punti fuori casa. Certo – aggiunge Stellone – in qualche trasferta meritavamo di più ma siamo in perfetta linea con le prestazioni che ci aspettavamo. Gli errori che si commettono in un campionato di Serie A pesano molto di più rispetto a quelli che potevamo commettere l’anno scorso in Serie B, dobbiamo migliorare anche su quest’aspetto”.