SHARE

gallo beli mago

Sono rimasti in 3 a mantenere alto il nome del tricolore in Nba. Gigi Datome ha preso altre strade, dopo non essere stato capito fino in fondo negli Stati Uniti. Toccherá a Gallinari, Belinelli e Bargnani dimostrare quanto l’azzurro ormai conti nella lega piú importante del mondo. Al servizio di Nuggets, Kings e Nets, i nostri tre eroi sono pronti ad un’altra stagione entusiasmante.

I KINGS RINCORRONO LE ALTE SFERE – L’inizio non è stato dei migliori per i nuovi Sacramento Kings  di Marco Belinelli. Il nostro azzurro però è sembrato uno di quelli più in forma, anche quando si perdeva quasi sempre. Ora che la franchigia della California sta pian piano risalendo la classifica, Belinelli continua a mettere a referto prestazioni di ottimo livello, con l’aiuto anche di Gay, Cousins e Rondo, e l’obiettivo playoff, difficile ma non impossibile, sembra comunque un po’ meno lontano. Importante notare come nella notte, quando la gara (poi persa a Charlotte) era punto a punto a pochi secondi dallo scadere del quarto quarto, i Kings si siano affidati a nostro azzurro per mandare la partita all’overtime. Ben due volte Belinelli ha trovato il canestro per il supplementare nell’incredibile finale con gli Hornets, che hanno sempre risposto colpo su colpo. Notizia importante comunque questa fiducia ne ragazzi ex Spurs, che sta conquistando sempre di più giocatori e staff a Sacramento.

I NETS SI FANNO SENTIRE – 2 vittorie nell’ultima settimana per Brooklyn. Con i Knicks in netta ripresa, i cugini dei Nets non potevano evitare che un po’ d’orgoglio prendesse il sopravvento. Il record resta pessimo (3-11) e il penultimo posto sembra già quasi sicuro per il finale di stagione, con Phila unica a fare peggio e le altre troppo più forti, ma considerato anche che la scelta al draft per il prossimo anno spetterà ai Celtics, perdere per continuare a perdere non serve davvero a nulla, quindi a Brooklyn è il momento di mettere in campo tutto. Che sia per guadagnarsi contratti migliori o per dimostrare che l’Nba è il proprio campo. Come nel caso di Andrea Bargnani. Se anche i Nets stanno un minimo migliorando, per il Mago non si notano prestazioni di rilievo. Mai oltre i 20 minuti in campo (quando va bene è intorno ai 15) e anche prestazioni al tiro poco invidiabili. Di tempo e occasioni ai Nets ce ne sono, ma bisogna saperle sfruttare.

STAND BY GALLO – Momentaneamente fuori dalle posizioni playoff, dove comunque non dovrebbe arrivare a fine stagione, i Nuggets stanno perdendo qualche punto negli ultimi giorni. Mudiay si sta insidiando come giocatore importante, mentre Gallinari è leggermente calato. Lottare per la post season sarebbe il massimo per la squadra ma tutto o molto dipende dall’ex Armani. Senza l’apporto del Gallo, Denver perde quasi tutte le speranze playoff, come dimostrano le ultime prestazioni di squadra. Gallinari ha già fatto vedere che può fare di più e in 82 partite con un Danilo in forma, più Mudiay e Faried in condizione, in casa Nuggets si può davvero sperare.

 

 

SHARE