EL, Napoli in Belgio senza tifosi: settore ospiti chiuso per l’allerta terrorismo

EL, Napoli in Belgio senza tifosi: settore ospiti chiuso per l’allerta terrorismo

epa04935446 Napoli's Dries Mertens (L) in action during the Uefa Europa League soccer match SSC Napoli vs Bruges (Club Brugge) at San Paolo stadium in Naples, Italy, 17 September 2015. EPA/CESARE ABBATE

La decisione era nell’aria già dalla serata di ieri, ora è ufficiale: il Napoli giocherà in Belgio senza il sostegno dei propri tifosi. Questa la decisione delle autorità locali dopo un’attenta analisi della situazione che si vive in Belgio dopo gli attentati terroristici di Parigi. Inizialmente si era pensato ad un rinvio del match in programma tra Club Brugge e Napoli, valido per la quinta giornata del gruppo D di Europa League. Il rinvio della gara, a quanto pare, sembra scongiurato ed è arrivata da qualche ora, attraverso il proprio sito ufficiale, un comunicato dello stesso club belga dopo la riunione dei vertici della società con le autorità locali a causa dell’allerta terrorismo: il settore ospiti dello stadio Jan Breydel resterà chiuso ed è stata bloccata la vendita dei tagliandi per tutti gli altri settori. La decisione è stata presa proprio dal sindaco della città Renaat Landuyt.

Così è stato deciso, per ora. In Belgio il rischio attentati è alto e l’allarme terrorismo è arrivato a livello 4, una situazione che non lascia per nulla spazio alla tranquillità. In Belgio è stato decretato lo stato di massima allerta fino a lunedì proclamato dal Primo Ministro belga Charles Michel. Il livello d’allerta 4 inevitabilmente porta a catalogare il match di Europa League tra quelli a rischio e il problema è legato all’utilizzo di un supplemento di forze dell’ordine nazionali, richiesto normalmente per le gare europee. Le forze dell’ordine saranno presenti in quel di Bruxelles e impiegate in gran numero e maggiormente nella capitale, rendendo complicato svolgere il proprio servizio di sicurezza a Brugge in occasione della gara. Da qui la decisione del sindaco e il comunicato del club, nonostante i biglietti fossero già stati venduti. In Belgio erano attesi 1300 sostenitori partenopei, decollo fissato per domani alle 14.30 da Capodichino, oltre a 200 appassionati provenienti dal Belgio. Nel pomeriggio è in programma un’altra riunione del Consiglio di sicurezza per stabilire ulteriori decisioni da adottare.

Queste, intanto, le parole di Roel Vaeyens, coordinatore sportivo del Club Brugge: “Non abbiamo deciso noi di non accogliere i tifosi napoletani. E’ stato il Sindaco di Bruges a proibire ai tifosi azzurri di venire in Belgio per assistere alla partita di Europa League dopo essersi consultato con la polizia locale. Si tratta di una decisione legata a quello che sta accadendo in Belgio, sono state le autorità governative dopo aver discusso a decidere in tal senso. Siamo in continuo contatto con le autorità della polizia e con quelle locali e al momento Bruges-Napoli si giocherà. Il Brugge sta preparando la partita al meglio, ma il Napoli lo abbiamo visto giocare, occupa la seconda posizione in serie A e in questo momento è la migliore in squadra di Europa League. Noi però possiamo ancora qualificarci per cui cercheremo la vittoria affinché il nostro cammino in Europa continui”.