Paulo Sousa: “Niente preferenze, lavoriamo per coltivare la cultura della vittoria”

Paulo Sousa: “Niente preferenze, lavoriamo per coltivare la cultura della vittoria”

paulo sousa conferenza

Con la vittoria ottenuta a Poznan tre settimane fa la Fiorentina si è rimessa in corsa per il passaggio del turno in Europa League, ma adesso serve battere a domicilio il Basilea (vittorioso al Franchi nella gara d’andata) per centrare l’obiettivo. Dopo il mezzo passo falso casalingo con l’Empoli in campionato, Paulo Sousa si aspetta risposte concrete nelle sfida alla sua ex squadra e sembra pronto ad affidarsi ai suoi uomini migliori, al contrario di quanto avvenuto domenica quando il massiccio turnover nella formazione iniziale aveva creato non pochi imbarazzi ai viola.

“Domani sarà una gara difficile- ha detto il tecnico portoghese nella conferenza stampa pre-gara- perchè il Basilea è abituato a grandi traguardi. Noi non possiamo avere preferenze tra campionato e coppa, lavoriamo ogni giorno per coltivare la cultura della vittoria e questo pensiero ti porta a cercare di vincere sempre, non a scegliere su quale obiettivo mollare. Poi penso sia fondamentale dare importanza a tutti, noi quando cerchiamo di pianificare un viaggio sappiamo il percorso e sappiamo il carburante che abbiamo, dobbiamo aggiustare la velocità durante il tragitto, perché abbiamo bisogno di arrivare fino in fondo tutti insieme. Per questo abbiamo bisogno di migliorare tutte le individualità per poter insieme metterci alla giusta velocità che ci possa portare sino in fondo. Sempre con l’idea che dobbiamo dare tutto quello che abbiamo, dentro la nostra idea di gioco e per la Fiorentina”.

Non convocato Mario Suarez, tra i peggiori nel derby toscano, anche se Sousa ci tiene a fugare ogni dubbio sulla sua esclusione (“dovuta al numero, visto che in Europa League i convocati sono semplicemente meno rispetto alla serie A. La sua prestazione con l’Empoli non assolutamente influito”). In dubbio Borja Valero, per il quale si deciderà a ridosso del match; ancora elogi a Bernardeschi, giovane talento in vetrina e simbolo dello spirito di sacrifico che accomuna tutto il gruppo. “Pur nascendo come mezza punta, è un esempio per tutti per il suo grande spirito di adattamento e sacrificio”.

Di seguito l’elenco completo dei convocati per la gara di domani:

Alonso,Astori,Babacar,Badelj,Bernardeschi,Borja,Fernandez,Gilberto,Ilicic,Kalinic,Lezzerini,Pasqual,Rodriguez,Roncaglia,Rossi,Sepe,Tatarusanu,Tomovic,Vecino,Verdù.