De Rossi: “Garcia da difendere, contestazione iniziata già lo scorso anno”

De Rossi: “Garcia da difendere, contestazione iniziata già lo scorso anno”

de rossi

La scoppola rimediata in casa contro l’Atalanta continua a destabilizzare un ambiente già scosso dopo le sei reti subite a Barcellona: la Roma vive un momento poco felice e sono tanti i musi lunghi nella società giallorossa. A tentare di spiegare questa spiacevole situazione è stato Daniele De Rossi, che ai microfoni di Sky ha provato a confrontare l’attuale condizione a quella vissuta lo scorso anno. Spirito di gruppo e forza di volontà sono riusciti a serrare i ranghi e conquistare il secondo posto: basteranno anche quest’anno?

“Non è il momento più basso di questa gestione, però dobbiamo riflettere sulle nostre prestazioni e pensare alla prossima. E’ un momento così, l’ultima partita in casa è stato il derby ed è stata una grande partita. Il risultato di Barcellona non c’entra con tutto il resto, ma abbiamo fatto tanti errori. Inutile però piangerci addosso, dobbiamo pensare a lavorare ed uscirne come fatto dopo la crisi dell’anno scorso. Ci siamo uniti e siamo ripartiti conquistando il secondo posto, dobbiamo fare la stessa cosa anche adesso. Garcia? Nessuno si permetterebbe di non difenderlo davanti alle telecamere. Siamo una squadra forte anche se qualche difficoltà è emersa. L’importante è restare uniti e non sfaldarci, non cercare alibi e pensare solo a fare meglio nel prossimo match. Noi eravamo convinti di avere la squadra più forte già dall’anno scorso ma alla fine la Juve si è rivelata più forte, specialmente dal punto di vista mentale. Quest’anno stiamo facendo meglio ma le ultime partite ci hanno frenati, guardando ad oggi questa situazione può distrarci da ciò che questa squadra può davvero fare. La contestazione? E’ iniziata l’anno scorsa dopo quei mesi in cui non si vinceva e guardando la Juve ci siamo fatti raggiungere da Lazio e Napoli. A Barcellona i tifosi continuavano a cantare fino alla fine, spero che quella parte di tifoseria non ci abbandoni mai. “