Putin chiude alla Turchia, rischio mercato per la Federazione russa

Putin chiude alla Turchia, rischio mercato per la Federazione russa

putin-russia

L’abbattimento del jet russo della scorsa settimana potrebbe avere ritorsioni anche nel mondo del calcio. Il leader russo Vladimir Putin nella giornata di ieri ha firmato un decreto che introduce nuove misure di stampo economiche al fine di minare i rapporti economici tra la Russia e la Turchia. Al Cremlino l’idea sembra chiara: non soprassedere sulla faccenda, bensì mantenere il pugno duro nei confronti del governo di Erdogan che, in tutta risposta, ha commentato “L’abbattimento del caccia russo per una violazione dello spazio aereo turco è un’altra vittima del conflitto siriano. L’incidente ha creato agitazione nelle relazioni tra Turchia e Russia, ma non le farà deragliare. Si tratta di rapporti abbastanza profondi e con sufficiente capitale politico-economico per superare. vorrei che non fosse successo ma è successo. Spero che una cosa simile non accada di nuovo”.

BLOCCO MERCATO Tra le norme volute, e firmate, da Vladimir Putin ci sarebbero le suddette misure riferite da SputnikNews “Il regime visa-free sarà parzialmente sospeso; le agenzie di viaggio russe dovranno smettere di vendere tour in Turchia dopo il 1 gennaio 2016; i trasporti aerei charter tra i due Paesi sono vietati; l’importazione di alcuni beni viene ristretta; alcune aziende dovranno limitare l’assunzione di personale turco a partire dal prossimo anno“.

Proprio quest’ultima misura potrebbe rivelarsi un boomerang per il calcio russo, nel caso in cui il governo comandato da Putin chiudesse alle assunzioni di personale turco potrebbero andarci di mezzo anche le assunzioni dei calciatori turchi da parte delle squadre facenti parte della Federazione calcio russa. Ovviamente le misure decise dalla Russia dovranno essere prese in considerazione a partire dal 2016, già a gennaio per la finestra di scambi invernale, solo e soltanto dopo si potrà capire che tipo di influenza avranno nell’universo del Football.

 

Stefano Mastini