Boban: “Berlusconi? Non rispetta i ruoli. Balotelli? Banale parlarne”

Claudio Cafarelli
12/12/2015

Boban: “Berlusconi? Non rispetta i ruoli. Balotelli? Banale parlarne”

balotelli milan 2015

Zvonimir Boban è intervenuto a Deejay Football Club, trasmissione radiofonica di Radio Deejay condotta da Fabio Caressa e Ivan Zazzaroni. Ecco quanto dichiarato dall’ex Milan e ora opinionista Sky:

“Manca un po’ di amore nel Milan? Sembra di sì, non so quanto è vero quello che stiamo sentendo. La situazione non è equilibrata ed idilliaca tra allenatore e società, il problema nasce da tanto tempo e dal distacco politico del presidente. La trasformazione attuale ha fatto perdere tante cose, come la sensibilità dei rapporti rispetto a certi ruoli che una volta erano determinanti nel Milan di Berlusconi. Imporre Boateng e Mexes? Credo che rispecchi quello che ho detto, non so se Mihajlovic ha voluto realmente questi due giocatori ma probabilmente c’è poco rispetto delle sue idee se non sono stati richiesti da lui. Quando si decide su giocatori come Boateng e Mexes, mandi segnali chiari all’allenatore perché non sono giocatori che possono cambiare radicalmente la squadra, non danno niente. Balotelli? Siamo sempre lì a parlare, sperare che possa diventare uomo e non essere più ragazzino. Che ne parli la Gazzetta ma per ora ha fatto molto poco, prometteva molto di più. Mi sembra banale parlare sempre delle stesse cose, attendiamo che faccia qualcosa e poi eventualmente ne parliamo e se ne può discutere.

Boban ha concluso il suo intervento parlando anche di Inter e Juventus. Ecco le sue considerazioni: “Inter? Ha cominciato a giocare meglio nelle ultime partite e questo fa capire che sta diventando una squadra seria, forte e che può puntare allo scudetto. Mancini è stato bravo ad inculcare certe idee. Juventus? Probabilmente per loro è stato un bene partire molto male, avere una partenza sufficiente, non così negativa, poteva essere peggio perché la rimonta è partita proprio per la posizione disastrosa in classifica. Sono stati bravi ma comunque questa squadra non ha le qualità della Juventus degli ultimi anni. Litigi negli spogliatoi durante la mia carriera? Ce ne sono stati mille”