SHARE

brienza bologna

La diciassettesima giornata di Serie A sarà aperta dall’anticipo del Dall’Ara fra Bologna ed Empoli: entrambe le squadre sono molto in salute, sulla carta meglio l’Empoli di Giampaolo che è pronto a recuperare diversi giocatori, mentre i padroni di casa dovranno fare i conti con importanti defezioni. Donadoni dovrà infatti sostituire lo squalificato Diawara, al suo posto Crisetig, mentre mancheranno per infortunio sia Giaccherini che Rizzo, pronto Brienza a tornare nel ruolo di esterno d’attacco. Difficile che Giampaolo recuperi Mchelidze, più probabile che conceda un po’ di minutaggio al rientrante Croce.

Bologna-Empoli, le probabili formazioni

Bologna (4-3-3) Mirante; Rossettini, Gastaldello, Oikonomou, Masina; Taider, Crisetig, Donsah; Brienza, Destro, Mounier. Allenatore: Donadoni.

Empoli (4-3-1-2) Skorupski; Laurini, Tonelli, Costa, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Buchel; Saponara; Pucciarelli, Maccarone. Allenatore: Giampaolo.

Bologna-Empoli, le parole degli allenatori

Qui Donadoni “Sarà una delle più difficili, la classifica dell’Empoli parla chiaro, le nostre motivazioni dovranno essere massime e guai a trascurare qualcosa. I miei ragazzi dovranno esprimere una prestazione di altissimo spessore, migliorandosi rispetto a Genova, sia individualmente che come collettivo, credendo ancora di più nelle proprie capacità. Questa per noi è una partita veramente importante, deve essere affrontata con grande impegno e maturità, una gara per me molto significativa”.

Qui Giampaolo “A inizio stagione i rossoblù hanno fatto grande fatica ma da quando è arrivato Donadoni hanno praticamente sempre vinto o pareggiato. E’ una squadra in salute e proveremo ad affrontarla al meglio. Saponara sta recuperando, Maiello ha avuto una botta alla caviglia ma penso possa farcela. Croce? E’ un giocatore veloce, rapido, agile e intelligente: sa come impiegare le sue energie. Si affrontano due squadre che per la loro fascia di classifica stanno molto bene. Loro vengono da un paio di vittorie consecutive, noi da tre. Sono aggressivi, non buttano via il pallone, quando vanno in pressing sanno fare male e hanno giocatori molto pericolosi sul piano offensivo. Sarà una partita diversa dalle ultime che abbiamo giocato, dovremo interpretarla in maniera differente”.

SHARE