SHARE

mandzukic

La Juventus conquista tre punti sofferti superando per 3-2 il Carpi con le reti di Mandzukic (doppietta) e Pogba. I padroni di casa sfoggiano una prestazione coraggiosa ed insieme alle molte sbavature bianconere sfiorano il pareggio. Nonostante le difficoltà gli uomini di Allegri centrano la settima vittoria consecutiva.

CHIAVE TATTICA La Juventus si schiera con l’ormai classico 3-5-2: Allegri, dopo il turn over in Coppa Italia, ripropone in attacco la coppia Mandzukic-Dybala e sulle fasce concede spazio a Cuadrado ed Evra. Il Carpi dal canto suo si schiera con il tradizionale 4-4-1-1 con Di Gaudio alle spalle di Borriello. Gli uomini di Castori approcciano il match nel modo giusto lasciando il possesso palla ai bianconeri stando però pronti a ripartire prontamente verso la porta avversaria. La Juventus, con un giropalla troppo lento, non riesce a trovare spazi e dopo un quarto d’ora subisce una ripartenza letale da parte del Carpi: Di Gaudio serve Borriello in profondità, l’ex di giornata dribbla Bonucci, troppo morbido nella situazione, e supera un non impeccabile Gigi Buffon. I bianconeri si scuotono e dopo tre soli minuti trovano il pareggio grazie ad una fantastica giocata di Mario Mandzukic, a seguito di un incursione sulla destra di Cuadrado. L’inerzia del match passa così nelle mani della Juventus che inizia a macinare gioco ed occasioni. Gli uomini di Allegri trovano così il vantaggio a pochi minuti dalla fine del primo tempo: Pogba lancia in profondità per Evra che dal fondo mette in mezzo un cross sul quale svetta ancora una volta Mandzukic che sigilla il sorpasso. Inizia il secondo tempo ma la musica non cambia: dopo soli cinque minuti Pogba, servito in profondità da un magnifico lancio di Marchisio, supera il portiere avversario e sigla il gol del 3-1. Le vacanze sono vicine ed i bianconeri sembrano già con la testa a quel momento: male soprattutto Bonucci che a pochi secondi dalla fine segna un autogol fantozziano. Il Carpi all’ultimo secondo sfiora addirittura il pareggio ma per fortuna dei bianconeri il tiro di Lasagna è debole. I bianconeri, pur soffrendo, centrano così la settima vittoria consecutiva.

I PROTAGONISTI Un nome su tutti: Mario Mandzukic. Il croato gioca una partita meravigliosa: segna due gol fantastici, lotta su ogni pallone e pressa ogni avversario, prototipo perfetto dell’attaccante moderno. Un gradino sotto Paul Pogba, anche lui autore di una partita eccezionale: oltre al gol il francese mette in mostra una superiorità fisica e tecnica che annichilisce i giocatori avversari. Degna di nota anche la prestazione di Marchisio, bravo in ogni ambito del gioco e padrone del centrocampo. Le uniche due note stonate sono Buffon e Bonucci: il difensore bianconero soffre gli strappi di Borriello ed appare nervoso e poco concentrato; non impeccabile invece l’apporto dell’estremo difensore sul gol del momentaneo vantaggio avversario. Nel Carpi lodevoli le prestazioni di Di Gaudio e soprattutto di Borriello. Molto male invece Gabriel Silva e Gagliolo.

IL MOMENTO Cinici e spietati i bianconeri che piazzano a segno ogni rete nel momento più propizio: il pareggio dopo solo tre minuti dal vantaggio biancorosso spengono sul nascere le velleità degli avversari. Il vantaggio bianconero a pochi minuti dalla fine del primo tempo ed il gol del 3-1 subito ad inizio ripresa sono i definitivi sigilli su una partita non perfetta ma tremendamente efficace.

LA GIOCATA Il gol del pareggio di Mandzukic è una di quelle giocate che vale da sola il prezzo del biglietto: Cuadrado si invola sulla fascia destra e serve in mezzo un pallone per Khedira, che a botta sicura colpisce in pieno l’estremo difensore del Carpi, qui entra in azione il croato che sulla respinta si aggiusta il pallone con un primo sombrero e poi, spalle alla porta, segna in mezza rovesciata il gol dell’1-1.

Tabellino Carpi-Juventus:

Carpi (4-4-1-1): Belec 5,5; Zaccardo 5,5, Romagnoli 5,5, Gagliolo 6, G. Silva 5; Letizia 5,5, Cofie 5.5 (dal 70° Bianco 5,5), Marrone 6, Lollo 6; Di Gaudio 6,5 (dal 54° Lasagna 5,5); Borriello 7 (dal 65° Mbakogu 6). Allenatore: Fabrizio Castori.

Juventus (3-5-2): Buffon 5,5; Barzagli 6,5 (dal 57° Rugani 6), Bonucci 4,5, Chiellini 6; Cuadrado 6 (dal 82° Lichtsteiner s.v.), Khedira 6, Marchisio 7.5, Pogba 7, Evra 6,5; Mandzukic 8, Dybala 6 (dal 68° Morata 5,5). Allenatore: Massimiliano Allegri.

 

Gol: 15° Borriello; 18° Mandzukic; 41° Mandzukic; 50° Pogba; 92° autogol Bonucci

Ammoniti: Gabriel Silva (C)

Espulsi: