I tifosi aggrediscono Messi, il River Plate chiede scusa

I tifosi aggrediscono Messi, il River Plate chiede scusa

115608695-b290cb6a-477a-4a4a-ad19-e74b5c1d4ee6

Dopo l’aggressione a Lionel Messi da parte di alcuni tifosi del River Plate ecco arrivare il comunicato del club argentino, che prende le distanze dal vile gesto di alcuni dei suoi supporters e si scusa con il campione del Barcellona per l’accaduto. Questo il messaggio del River Plate che, tramite un comunicato stampa apparso sul proprio sito ufficiale, non solo manifesta la propria solidarietà a Messi ma si complimenta anche con il Barcellona per la vittoria del Mondiale per Club: “In relazione alle aggressioni subite da Lionel Messi all’aeroporto di Narita, il Club Atletico River Plate si discosta da ogni tipo violenza e offre le proprie scuse al calciatore dell’F.C. Barcelona. Il Club River Plate desidera inoltre congratularsi con il Barcellona per la vittoria del Mondiale per Club 2015 in Giappone”.

Bel gesto quello del club argentino, forse dovuto. Non ha passato certo bei momenti, però, Lionel Messi dopo aver alzato al cielo giapponese il trofeo appena conquistato: nella giornata di ieri, infatti, il campione blaugrana giunto all’aeroporto internazionale di Narita, a Tokyo, è stato aggredito da un gruppo di ultras del River Plate mentre stava raggiungendo l’aereo che l’avrebbe riportato in Spagna. Pesanti insulti, spintoni e addirittura sputi per Leo Messi che, adirato, pare abbia risposto colpendo un tifoso del River per poi essere trattenuto e difeso dal tecnico Luis Enrique e dal compagno di squadra Mascherano, che hanno di fatto evitato la rissa. Insulti anche per lo stesso Mascherano, argentino cresciuto proprio tra le fila dei Millionarios. Oggi sono arrivate le scuse ufficiali del River Plate, una vicenda in cui il club può fare ben poco se non prendere le distanze da certi esagitati e violenti. Uno spiacevole episodio per Lionel Messi che sorride per l’ennesimo trofeo conquistato in Giappone con il suo Barcellona, ma che si è trovato ad affrontare la rabbia dei suoi “connazionali”.