Tello chiede scusa: “Non volevo offendere nessuno”

Tello chiede scusa: “Non volevo offendere nessuno”

tello

Tello chiede scusa alla Salernitana con un messaggio pubblicato sul suo profilo Facebook: “Mi scuso con tutti i tifosi, la squadra e la dirigenza della Salernitana. In nessun modo volevo offendere qualcuno. Mi scuso ancora. E vi auguro buon Natale”.

Nel finale di Salernitana-Cagliari il giovane centrocampista sardo, in prestito dalla Juventus, firma la rete del definitivo 0-2 e ed esulta mettendo in scena un balletto con i suoi compagni non lontano dalla curva dei tifosi granata. E si scatena il putiferio: alcuni giocatori della Salernitana inseguono Tello per colpirlo, ma il colombiano cerca di mettersi in salvo. La partita termina con la vittoria dei sardi che ritornano così in vetta in Serie B.

Oltre alle tre giornate inflitte a Rossi, Sciaudone e Melchiorri anche una giornata per Tello. Multa di 5.000 euro alla Salernitana a causa del comportamento dei tifosi granata: “Per avere suoi sostenitori, al 35° ed al 40°del secondo tempo, lanciato nel recinto di giuoco delle bottigliette diplastica e degli accendini; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

SQUALIFICA PER QUATTRO GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ROSSI Andrea (Salernitana): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Quinta sanzione); per avere, al 39° del secondo tempo, a giuoco fermo, spinto energicamente un calciatore avversario e tentato, successivamente, di colpirlo con un pugno.

SQUALIFICA PER TRE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA ED AMMONIZIONE SCIAUDONE Daniele (Salernitana): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario (Sesta sanzione); per avere, al 40° del secondo tempo, a giuoco fermo, tentato di colpire per due volte con un pugno un calciatore avversario; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

SQUALIFICA PER TRE GIORNATE EFFETTIVE DI GARA MELCHIORRI Federico (Cagliari): per avere, al 40° del secondo tempo, a giuoco fermo, colpito volontariamente con l’avambraccio il volto di un calciatore avversario e tentato, successivamente, di colpirlo con una gomitata; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.