Il Barcellona tessera 77 giocatori: ci sono anche Vidal e Arda Turan

Il Barcellona tessera 77 giocatori: ci sono anche Vidal e Arda Turan

072015-Barcelona-Arda-Turan-PI-SW.vadapt.620.high.7

Il Barcellona non sta a guardare. Dopo la sanzione della FIFA  per tesseramenti irregolari di giocatori comunitari minori di 16 anni e extracomunitari minori di 18 anni, il club blaugrana è partito all’attacco tesserando ben 77 calciatori: ci sono anche i due rinforzi di lusso Arda Turan e Aleix Vidal che si allenano già dallo scorso settembre con la nuova squadra.Manca Seungwoo Lee che deve aspettare solamente due giorni: mercoledì il calciatore coreano compierà 18 anni e potrà firmare finalmente con il Barcellona. Tutti rinforzi che aiuteranno la società di Bartomeu a crescere partendo dal settore giovanile.

Una delle squadre che si è più rinforzata è il Barcellona B di Gerard Lopez che ha acquistato ben cinque giocatori. Sono il portiere Jokin Ezkieta arrivato dall’Osasuna;  il laterale Moi Delgado che proviene dal Siviglia B per sostituire il partente Grimaldo, che si è accasato al Benfica; il centrocampista Xemi del Cornellà; l’attaccante Dani Romera che si è allenato già alcuni mesi con il Barcellona B dopo lo svincolo dall’Almeria e, infine, il brasiliano Robert Gonçalves, ex giocatore del Fluminense. Nella seconda serie spagnola, le squadre possono avere in rosa massimo 22 giocatori e, per questo motivo, il Barcellona venderà cinque giocatori. C’è il già citato Grimaldo passato al Benfica, poi Ondoa e Bagnack, mentre gli altri due in partenza potranno essere giocatori che non sono impiegati da Gerard, come Juste, Campins, Ros o Enguene.

I coreani Paik e Lee inizialmente si aggregheranno con la Juvenil A agli ordini di Gabri, ma quando recupereranno la forma migliore passeranno con il Barcellona B, come sta succedendo con Aleñà. L’allenatore spagnolo già potrà contare sul laterale Ruben Garcia, sul centrale Arnau Campeny e sull’attaccante Rafa Mújica.

Ancora una volta il Barcellona dimostra di valorizzare il proprio settore giovanile puntando sui migliori talenti in circolazione, non solo in Europa, ma soprattutto nel mondo.