SHARE

morata

Tutto pronto allo Stadio Luigi Ferraris per Sampdoria-Juventus: Montella sembra aver trovato la sua formazione ideale e conferma quasi in toto, eccezion fatta per De Silvestri infortunato e sostituito da Cassani, la squadra vittoriosa contro il Genoa nel derby. Dal canto suo Allegri deve invece rinunciare a Marchisio (squalificato) e si affida ad Hernanes nel ruolo di regista, supportato dai soliti Khedira e Pogba. In difesa l’allenatore dei bianconeri rilancia Rugani al posto di Caceres, che va così a completare il pacchetto arretrato insieme a Bonucci e Chiellini. In attacco infine confermato Morata, nonostante il digiuno di gol, insieme a Dybala.

Sampdoria-Juventus, le formazioni ufficiali: 

Sampdoria (4-3-2-1): Viviano; Cassani, Moisander, Regini, Zukanovic; Barreto, Fernando, Soriano; Carbonero, Cassano, Eder.
A disp.: Puggioni, Pereira, Silvestre, Mesbah, Ivan, Palombo, Christodoulopoulos, Alvarez, Correa, Rodriguez, Krsticic, Muriel. All.: Montella

Juventus (3-5-2): Buffon; Rugani, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Khedira, Hernanes, Pogba, Evra; Morata, Dybala.
A disp.: Neto, Rubinho, Caceres, Alex Sandro, Padoin, Vitale, Asamoah, Hernanes, Cuadrado, Zaza, Mandzukic. All.: Allegri

Sampdoria-Juventus, le parole degli allenatori:

Qui Montella:  “La Samp dovrà avere rabbia, concentrazione e costanza. Sarà una partita difficilissima contro una corazzata. La Juventus sta tornando, credo che abbia trovato la quadratura. I bianconeri proprio per la loro mentalità non possono rinunciare a provare a vincere, e non credo di trovare una squadra stanca. Dunque questa è una gara stimolante, che richiede a ogni nostro giocatore di dare il meglio, anche perché il calcio mi ha insegnato che nessuna sfida è segnata e regala sempre grandi sorprese. Credo che i bianconeri abbiano trovato la quadratura. Hanno una mentalità vincente e non credo di trovare una squadra stanca. Sono strutturati e per questo a noi toccherà giocare pure di mestiere. Ma questa è una gara stimolante, che richiede a ogni nostro giocatore di dare il meglio. Cassano? È uno dei pochi, tre o quattro al mondo, che ama più fare assist che segnare. Eder sta bene, non ha avuto nessuno strascico dopo il derby. Dybala? Mi rivedo in lui, Lo Monaco mi disse ai tempi di Catania che aveva trovato un ragazzo simile a me. Un peccato poi non essere riusciti a prenderlo.”

Qui Allegri: “Abbiamo ancora due trasferte, quella di domani e di domenica prossima a Udine: difficili e complicate. Non dico che decideranno, ma diranno molto perché all’epoca avremo giocato cinque trasferte e due partite in casa. Vincendo, ci permetterebbe di rimanere agganciati al treno di testa: e l’obiettivo è arrivare alle ultime sei di campionato, o in testa o attaccati alla testa. La Samp ha fatto un bellissimo derby e viene da due buone partite, con Palermo e Lazio. Troveremo un ambiente con entusiasmo. Ha segnato appena quattro gol in meno di noi: hanno Eder, Muriel, Soriano, e Cassano, che è tornato in buona condizione. Lui detta i tempi e manda in gol tutti i suoi compagni. Non ho ancora scelto il sostituto di Marchisio (squalificato). Ma se deciderò in maniera diversa potremo giocare senza mediano. Essere campioni d’inverno ha meno importanza, con tante squadre vicine, e intanto pensiamo a vincere domani sera: noi sappiamo che dobbiamo fare un tot di vittorie e un pochi pareggi: se l’Inter vince domani la proiezione scudetto è di 84 punti. Anche se si potrà abbassare.”