Serie A: Empoli-Milan 2-2, Maccarone sullo stomaco per i rossoneri

Serie A: Empoli-Milan 2-2, Maccarone sullo stomaco per i rossoneri

EmpoliMilan

Pareggio spettacolare nell’anticipo serale del sabato di Serie A: ecco analisi e pagelle di Empoli-Milan.

CHIAVE TATTICA – Milan che soffre molto la pressione iniziale dell’Empoli, che manovra certamente con migliore orizzontalità e con grande ritmo. I rossoneri giocano la carta del contropiede e, appena possono, cercano subito di impostare un pressing molto alto per inibire il gioco dei padroni di casa. Il solito Bacca porta avanti gli ospiti, sfruttando la difesa altissima trademark del gioco empolese: pian piano i rossoneri prendono sempre maggiore campo, sfruttando gli spazi difensivi lasciati dalla squadra di Giampaolo, che da par suo continua a costruire con discreto ordine. Per prepararsi meglio alle ripartenze, in fase difensiva il Milan si sistema con un insolito 4-3-2-1, con Niang e Bonaventura appena dietro Bacca: così facendo, i due possono risultare pronti a servire la punta non appena ricevono palla. Centralmente, però, l’Empoli riesce a creare l’azione del pareggio con una manovra veloce che prende in controtempo la difesa avversaria e porta al gol Zielinski. La gara risulta molto bella anche per i ritmi elevati e senza troppe pause: le due squadre si fronteggiano in maniera molto coraggiosa, con l’Empoli che mette in scena un possesso palla da top club nel primo tempo. Nella seconda frazione Mihajlovic perde Alex per infortunio: al suo posto Zapata, ovviamente resta in atto la difesa a 4 per i rossoneri. Gli ospiti trovano la rete in maniera abbastanza fortunosa e tornano avanti con Bonaventura: Giampaolo richiama un Maiello non ispirato per il veterano Croce, forse per rinvigorire una manovra che ad inizio di secondo tempo aveva perso mordente, con Buchel che finisce a fare il centrale d’impostazione. Maccarone riporta i suoi al pareggio, poi la girandola dei cambi muta la fisionomia delle squadre, che però mantengono sempre gli stessi schieramenti. Il Milan soffre soprattutto al centro le percussioni dell’Empoli, facendo molta fatica a chiudere soprattutto sugli inserimenti di Saponara e dei centrocampisti: Giampaolo prova a vincerla inserendo Krunic per Zielinski e giocando di fatto col doppio trequartista, ma Empoli-Milan resta sul risultato di 2-2.

I PROTAGONISTI – Bacca è ormai un cecchino: ancora una volta sfrutta l’unica occasione a disposizione per timbrare il cartellino. Bonaventura sempre positivo, attento anche Alex. Saponara spesso imprendibile nell’Empoli, benissimo anche Zielinski.

LA GIOCATA – Quella prodotta da Tonelli, Niang e dalla fortuna: il rinvio del difensore sbatte sulla faccia dell’attaccante che, senza volerlo, serve un solissimo Bonaventura per un gol che finirà per essere decisivo ai fini della gara.

IL MOMENTO – Nonostante due svantaggi, arrivati peraltro dopo situazioni di sostanziale superiorità, l’Empoli riprende sempre la partita dimostrando grande piglio e una forza da volontà che è propria delle squadre in salute e in coscienza delle loro qualità intrinseche.

 

TABELLINO EMPOLI-MILAN

FORMAZIONI
EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski 6; Laurini 5,5, Tonelli 5,5, Barba 6, Mario Rui 6; Zielinski 6,5 (87′ Krunic s.v.), Maiello 5,5 (54′ Croce 6), Buchel 6; Saponara 6,5; Pucciarelli 5,5, Maccarone 6 (70′ Livaja 5,5). All. Giampaolo

MILAN (4-4-2): Donnarumma 6; Abate 5,5, Alex 6,5 (46′ Zapata 6), Romagnoli 6, Antonelli 6; Honda 6 (86′ Boateng s.v.), Bertolacci 6, Montolivo 6, Bonaventura 6,5; Niang 5 (67′ Balotelli 5,5), Bacca 6,5. All. Mihajlovic

AMMONITI: Barba, Saponara (E) – Honda, Montolivo, Balotelli, Romagnoli (M)

MARCATORI: 8′ Bacca (M), 32′ Zielinski (E), 48′ Bonaventura (M), 61′ Maccarone (E)

ARBITRO: Russo di Nola