Evasione fiscale e false fatture: indagati Galliani e De Laurentiis

Evasione fiscale e false fatture: indagati Galliani e De Laurentiis

galliani-moggi

Altro scandalo in arrivo per il mondo del calcio italiano. Quest’oggi il procuratore aggiunto della Procura di Napoli Vincenzo Piscitelli e i pubblici ministeri Stefano Capuano, Vincenzo Ranieri e Danilo De Simone hanno dato mandato di perquisizione alla Guardia di Finanza, nell’occhio del ciclone il ruolo di alcuni manager all’interno di alcuni affari di calciomercato. Sono 64 gli iscritti nel registro degli indagati, come riferisce il quotidiano nazionale La Repubblica, tra questi alcuni big del nostro calcio e ben 35 società di Serie A e Serie B: l’ex presidente della Juventus Jean Claude Blanc, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, Alessandro Moggi, il numero uno della Lazio Claudio Lotito e alcuni calciatori (“El pocho” Lavezzi, Crespo ecc, ecc).

CALCIO-GATE, TUTTI INDAGATI Già sequestrati dalle fiamme gialle ben 12 mln di € di beni fra immobili, somme di denaro e quote societarie. Si indaga su illeciti di stampo economico-amministrativo: evasione fiscale e false fatture in lasso di tempo che va dal 2009 al 2013. Dalle 8:30 è poi attualmente in corso l’acquisizione di documenti da parte della Guardia di finanza anche negli uffici della sede dell’AC Milan.

L’inchiesta nasce a partire dal 2012, tre anni e mezzo fa, ipotizzando presunte violazioni fiscali commesse da società e procuratori con il placet dei calciatori al momento della stipulazione dei contratti di acquisto e/o cessione delle prestazioni sportive di quest’ultimi. Secondo il procuratore aggiunto di Napoli, Vincenzo Piscitelli, il cuore dell’operazione “Fuorigioco” attesterebbe l’esistenza di un radicato sistema finalizzato ad evadere le imposte, evasione fiscale nel particolare, un meccanismo fraudolento architettato per sottrarre materia imponibile alle casse dello Stato italiano e’ stato adottato nel contesto delle operazioni commerciali sulla compravendita di calciatori. Al momento Sono stati acquisiti documenti dalla FIGC e da 41 società di calcio della serie A, B e Lega Pro.

Il sequestro e’ stato disposto, per importi di alcune migliaia di euro ciascuno, nei confronti di otto procuratori sportivi: Alessandro Moggi, Marco Sommella, Vincenzo Leonardi, Riccardo Calleri, Umberto Calaio’, Adrian Leonardo Rodriguez, Fernand Osvaldo Hidalgo, Inev Alejandro Mazzoni, Edoardo Luis Rossetto. Trentasette dirigenti societari: Antonio e Luca Percassi, Claudio Garzelli, Giorgio Perinetti, Luigi Corioni, Gianluca Nani, Sergio Gasparin, Pietro Lo Monaco, Igor Campedelli, Maurizio Zamparini, Rino Foschi, Daniele Sebastiani, Andrea Della Valle, Pantaleo Corvino, Alessandro Zarbano, Enrico Preziosi, Luciano Cafaro, Jean Claude Blanc, Alessio Secco, Claudio Lotito, Marco Moschini, Renato Cipollini, Aldo Spinelli, Adriano Galliani, Aurelio De Laurentiis, Tommaso Ghirardi, Pietro Leonardi, Pasquale Foti, Edoardo Garrone, Umberto Marino, Massimo Mezzaroma, Roberto Zanzi, Giovanni Lombardi Stronati, Francesco Zanotti, Sergio Cassingena, Dario Caassingena, Massimo Masolo. E diciassette calciatori: Gustavo Gerrman Denis, Juan Ferbando Quintero Paniaugua, Adrian Mutu, Ciro immobile, Matteo Paro, Hernan Crespo, Pasquale Foggia, Antonio Nocerino, Marek Jankoulovsky, Cristian Gabriel Chavez, Ignacio Fideleff, Ivan Ezequiel Lavezzi, Gabriel Paletta, Emanuele Calaio’, Cristian Molinaro, Pabon Rios, Diego Miliyo. (fonte La Repubblica)

Stefano Mastini