Del Bosque: “Morata? Gioca pochi minuti, la cosa può danneggiarlo”

Del Bosque: “Morata? Gioca pochi minuti, la cosa può danneggiarlo”

anche_alvaro_morata_fra_i_convocati_spagna_di_del_bosque

Arrivano nella giornata di oggi alcune dichiarazioni del tecnico della Spagna Vicente Del Bosque, intervistato da Goal, in riferimento alla preparazione per Euro2016. Le Furie Rosse vogliono tornare ai vertici del calcio dopo un Mondiale devastante per l’autostima del gruppo e per la continuità di lavoro e crescita di una Spagna che fino a quel momento aveva vinto tutto. Del Bosque ripartirà dal grande patrimonio tecnico e di gioco della sua selezione, della quale non è certo farà parte lo juventino Morata: l’ex puntero del Real Madrid sta giocando poco e la concorrenza in Nazionale è alta. Queste le dichiarazioni del ct spagnolo: “Il momento più difficile delle qualificazioni è stato all’inizio quando perdemmo in Slovacchia. Tuttavia da quel momento qualcosa è scattato, se è vero che ci siamo qualificati in anticipo, tra la sorpresa generale. Tra i momenti negativi anche i fischi a Piquè. Ce ne siamo fatti una ragione, anche se all’inizio la cosa non ci piaceva. La cosa più importante è che il ragazzo non perda mai il suo attaccamento alla Nazionale spagnola, nonostante appoggi la causa catalana: attaccamento che ha sempre avuto, ai massimi livelli. Purtroppo però i fischi a Piquè sono coincisi con alcune situazioni extrasportive e per questo le ripercussioni sono state maggiori”.

“Abbiamo tre avversarie degne di rispetto e attenzione, due di loro hanno eliminato l’Olanda. Noi siamo tra i favoriti più per un credito del passato che per il presente. Siamo i campioni in carica, per questo abbiamo una grande responsabilità nel dover difendere il titolo. Ma le gerarchie sono molto labili, c’è tanta dispersione, tante Nazionali possono pensare di vincere l’Europeo. Francia e Germania sono molto forti, ma anche Italia e Inghilterra, per dire. Nessuno ha il posto garantito, ovviamente ho una lista di massima in mente, ma non è certo definitiva, non lo sarà fino al 17 maggio. Ci sarà dentro Casillas? Lo spero. Ma ci sono ancora parecchi mesi per decidere. Gioca in un grande club, ha alle spalle una grande carriera e rappresenta tanto per la Spagna. Morata? Sta giocando, è presente in ogni gara della Juventus, anche se non gioca così tanti minuti, non così tanti come l’anno scorso. Se ciò può danneggiarlo? Ovviamente sì. Dobbiamo guardare all’Europeo, al futuro immediato, non al futuro remoto. A fine Marzo giocheremo due test importanti, quello sarà un momento chiave. Euro2016 ultimo atto da Ct della Spagna? Assolutamente no, per quanto mi riguarda. E’ una domanda che dovete porre alla Federazione. Di sicuro faremo la scelta migliore per la Nazionale. Non ci sarà alcun vuoto di potere, questo è certo”.