Follia cinese per Gervinho, guadagnerà 8 milioni a stagione

Claudio Cafarelli
28/01/2016

Follia cinese per Gervinho, guadagnerà 8 milioni a stagione

gervinho

L’avventura di Gervinho in Italia si è conclusa improvvisamente, con uno scatto deciso verso la Cina senza tanti rimpianti. La decisione di lasciare la Capitale e il nuovo progetto giallorosso costruito Luciano Spalletti è arrivata repentinamente, l’ennesima ed ultima corsa di Gervinho con la maglia della Roma, questa volta senza palla al piede. L’addio del pigmalione Garcia aveva aperto alla possibilità di una cessione, nonostante l’ivoriano abbia, nella insufficienza generale, offerto questa stagione prestazioni all’altezza. Strana la vita, proprio nel momento in cui l’ex Arsenal aveva trasformato i fischi dell’annata precedente in applausi sinceri guadagnando il rispetto dei tifosi giallorossi, dalla Cina è arrivata un’offerta semplicemente imbarazzante e impossibile da rifiutare.

Gervinho ha firmato un contratto della durata di 3 anni e percepirà 8 milioni a stagione, il triplo di quanto guadagnava a Roma. E così anche il rifiuto di quest’estate per il trasferimento all’Al – Jazira, diventa un colpo di fortuna. Negli ultimi giorni di calciomercato estivo, la società di Abu Dhabi era arrivata ad offrire “solo” 4,5 milioni a stagione, ma non aveva chiuso l’accordo perché non in grado di soddisfare le richieste esose del giocatore forse mai convinto della trattativa e ancora legato a Rudi Garcia. Proprio quel rifiuto aveva creato l’ennesima crepa nel rapporto tra dirigenza e allenatore, ma ora il trasferimento dell’ivoriano è diventata una vera e propria manna dal cielo anche per la Roma che ha guadagnato circa 18 milioni di euro (e un altro bonus per la gioia delle casse) da reinvestire subito nella sessione di calciomercato invernale. Dopo El Shaarawy, ecco Diego Perotti per dimenticare Gervinho, velocista con poca tecnica non adatto al gioco di Luciano Spalletti e sempre al centro delle discussioni. Ma il tesoretto Gervinho diviene fondamentale per colmare una lacuna ormai palese nella rosa giallorossa, quel difensore necessario e prioritario per sostituire il grezzo Rudiger e il convalescente Castan.