Reja: “Denis? Gli auguro di fare due goal per entrare nella storia”

Reja: “Denis? Gli auguro di fare due goal per entrare nella storia”

Reja

Via due tasselli importanti per lo scacchiere dell’Atalanta come Grassi e Maxi Moralez e con uno German Denis prossimo all’addio, Edy Reja si prepara in vista del prossimo match di campionato contro il Sassuolo di Di Francesco per la 22/a giornata di Serie A. Il calciomercato intanto ha portato in casa nerazzurra l’ex Roma e Milan, Marco Borriello, reduce da sei mesi di rilancio al Carpi e con tanta voglia di dimostrare il proprio valore. Intanto lo stesso Reja ha presentato la prossima sfida di campionato lanciando un’occhiata proprio al calciomercato che impazza nelle ultime ore. Ecco le parole del tecnico in conferenza stampa: “La mia idea è di schierare la squadra col 3-4-3, ma devo comunque valutare ancora bene, perchè questa è una gara molto difficile. Gakpe potrebbe essere pronto dall’inizio e può giocare anche dall’altra parte. Per Denis sono valutazioni che devo fare, ha più percentuali lui per una partenza dall’inizio. Gomez si è aggregato con noi giovedì ed era un po’ pesante”.

SUL TANQUE – Reja ha poi continuato parlando del ‘Tanque’ Denis in procinto di salutare Bergamo e l’Italia per tornare in patria: “Gli auguro, se dovesse giocare, di fare due goal, così che possa passare alla storia come miglior straniero – ha proseguito Reja sull’argentino – Le motivazioni ci sono e lui ci tiene in maniera particolare. Confido molto nelle sue qualità. Da capitano, poi, sarebbe una gratificazione straordinaria. Denis merita solo ringraziamenti“.

MERCATO – In chiusura l’allenatore dell’Atalanta insiste sul calciomercato augurandosi di evitare altri stravolgimenti: “Spero non ci siano più altre cessioni, già abbiamo perso la catena destra. Borriello? Lui mi ha detto ieri che ha lavorato sempre, ma è da un po’ di tempo che non annusa il campo. Vedendolo oggi mi sembra che sia in buona condizione e già pronto. Prenderò domani la decisione, farò allenamento di rifinitura e deciderò se partirà o meno dalla panchina”.