SHARE

allegri 2015

Aprirà la domenica pomeriggio della 22/a giornata di Serie A la Juventus di Massimiliano Allegri che sarà di scena a Verona nell’ostica trasferta in casa del Chievo. Contro i gialloblu di Maran potrebbe arrivare il dodicesimo successo consecutivo con annesso primo posto momentaneo in attesa del Napoli impegnato contro l’Empoli alle 15. Vincere per agganciare la vetta, è questo l’obiettivo dei bianconeri sempre affamati come si evince anche dalle parole di Allegri in conferenza stampa: “Record di vittorie? Non mi interessa, perché noi potremmo vincerne anche altre 8 di seguito, ma se non vinciamo le ultime non servirà a niente. Dobbiamo solo pensare alla partita di domani, che è complicata e si gioca in un orario particolare”.

PRESENTI E ASSENTI – Allegri fa poi la conta tra assenti e infortunati: “Bonucci gioca, Chiellini valuterò domani. Ho quasi tutta la rosa a disposizione. Speriamo di poter riavere Mandzukic prima del Bayern, altrimenti giocherà la partita di ritorno”, dice ancora Allegri, che parla anche di un possibile colpo dell’ultima ora: “Acquisto last minute? E’ Pereyra, che ha recuperato e domani sarà a disposizione”.

TESTA AL CHIEVO – Il tecnico toscano tiene poi alta la concentrazione evitando di puntare l’attenzione sul match di Champions contro il Bayern Monaco: “Se vinciamo domani, possiamo andare in vetta al campionato anche momentaneamente. Domani è una vittoria che va ottenuta. E’ sbagliato pensare a quelle che abbiamo già portato a casa. Non pensiamo al Bayern: il Bayern arriverà tra un mese, non esageriamo. Ho un gruppo responsabile, domani l’approccio sarà quello giusto”.

SPAZIO IN ATTACCO – Con il KO di Mandzukic spetterà a Dybala, Morata e Zaza reggere tutto il peso dell’attacco nei prossimi impegni: “E’ inutile prendere tanto per prendere. Mandzukic non starà fuori tutta la stagione. Abbiamo Morata che ha ritrovato il goal, ma già da qualche settimana in allenamento aveva ripreso confidenza con la porta. Ora deve tornare a segnare anche in campionato. Zaza? Io devo mettere in campo i giocatori più adatti per la partita, e lui degli attaccanti è quello che ha la media più alta. Vediamo. Con l’infortunio di Mandzukic, gli altri tre attaccanti avranno più spazio“.

Una battuta anche su un possibile futuro post Juventus: “Se sarò l’allenatore della Juventus anche nella prossima stagione? Domandatelo alla società, perché se dovessi essere esonerato domani mattina allora non lo sarei più”.