Pierce in campo a 53 anni: cinque sterline a settimana per giocare con il Longford

Dario Marotta
30/01/2016

Pierce in campo a 53 anni: cinque sterline a settimana per giocare con il Longford

pearce_longford

Può un signore di cinquantatré anni, con alle spalle una più che dignitosa carriera da calciatore e da tecnico, tornare ad indossare gli scarpini da calcio? La risposta, assolutamente positiva, arriva dall’Inghilterra. Stuart Pierce, signore di mezza età, un tempo soprannominato Psycho (e non serve aggiungere altro) ha firmato un contratto con il Longford, squadra iscritta alla tredicesima serie inglese. Un club che non gode di grossa fama in patria, tanto da essere riconosciuto all’unanimità come il peggior sodalizio sportivo della Gran Bretagna. Nessuno, nel campionato in corso di svolgimento, ha fatto peggio: 0 punti in classifica, 3 gol fatti (l’ultimo il 9 gennaio, quando perse 9-1 contro l’Abbeymead Rovers) e 183 reti subite. Il contributo dell’arcigno Pierce, apparso in gran forma al momento della firma, nonostante il peso dell’anagrafe, servirà forse a migliorare i numeri di cui sopra, almeno per quel che concerne il dato dei gol incassati.

L’accordo, contro ogni pronostico, è stato trovato in un istante: sarà infatti lo stesso Pierce a versare nelle casse della società 5 sterline a settimana per poter scendere in campo con i nuovi compagni. Una prassi seguita e rispettata da tutti gli altri calciatori della rosa del “povero” Longford che ha dunque trovato e sponsorizzato una nuova via per l’autofinanziamento. E desterà non poca curiosità la presenza della vecchia bandiera inglese che si troverà di fronte ragazzi spinti solo ed esclusivamente da una passione “amatoriale”. Un “vecchio” professionista del pallone tra i piccoli campi di periferia, non da tecnico ma da calciatore, pronto a rimettersi in gioco, a riannodare il filo con l’amore di sempre, ritrovato allo scoccare delle cinquantatré primavere. Dalla panchina dell’Inghilterra, gestita durante il “dopo capello” e abbandonata alla vigilia dell’Europeo, al piccolo Longford. Nulla cambia se a fare da traino c’è l’entusiasmo del “giovane” Pierce, protagonista del Psycho 2.0.