Roma-Frosinone, le formazioni ufficiali: El Shaarawy titolare

Roma-Frosinone, le formazioni ufficiali: El Shaarawy titolare

el shaarawy

L’anticipo serale della ventiduesima giornata di Serie A sarà Roma-Frosinone: per i ciociari sarà molto complicato portare a casa anche solamente un punto contro una Roma altamente motivata dopo la sconfitta dello Stadium contro la Juventus. Spalletti è ancora a caccia dei primi tre punti della sua nuova gestione, e per farlo dovrebbe confermare l’11 che ha affrontato la Juventus con il solo Florenzi assente a causa di una botta rimediata domenica.

Roma-Frosinone, le formazioni ufficiali:

Roma (4-2-3-1) Szczesny; Rudiger Manolas, De Rossi, Zukanovic; Pjanic, Keita; El Shaarawy, Nainggolan, Salah, Dzeko. Allenatore: Spalletti.
Frosinone (4-3-3) Leali; Rosi, Ajeti, Blanchard, Pavlovic; Sammarco, Chibsah, Frara; Dionisi, Ciofani, Soddimo. Allenatore: Stellone.

Spalletti in conferenza stampa: Facciamo chiarezza: Gervinho voleva andare via in tutti modi, creava problemi e non si allenava, mentre El Shaarawy voleva venire in tutti i modi. Per me non ci sono dubbi su quale dei due serve alla Roma”. Parole pesanti quelle del tecnico di Certaldo, che pone un macigno figurato sulla situazione dell’ivoriano ed accoglie il nuovo acquisto a braccia aperte. Mi hanno dato dei programmi che hanno fatto precedentemente, ma bisogna abbinarlo al lavoro sul campo, è la somma che conta. Sono disponibili, ho detto loro qualcosa che sia giusto fare, si fa un lavoro che mi possa piacere e che sia di completamento per il cumulo finale che serve ai calciatori. Sono persone brave a organizzare e programmare. Ervin viene a giocare in un reparto di cui avevamo bisogno, il direttore è stato bravo ad inserirsi all’ultimo momento. E’ un giocatore che ho avallato perché lo conosco e perché ho parlato con persone che lo conoscono. E’ chiaro che se parliamo di un mercato a bocce ferme, è un altro tipo di ragionamento. Però il calciatore è fortissimo di testa, ha carattere, ha la difficoltà di non essere velocissimo ma si posiziona sempre bene: è uno che sa fare il suo mestiere”.

Le dichiarazioni del presidente Stirpe: “Sono tifoso della Roma ormai lo sanno tutti, ma a parte l’emozione di giocare all’Olimpico una gara del genere, quando l’arbitro fischierà la affronterò come una qualsiasi altra sfida.Non può permettersi di fare calcoli, ma deve solamente dare tutto”.