Genoa-Fiorentina, le formazioni ufficiali: Kalinic fuori

Genoa-Fiorentina, le formazioni ufficiali: Kalinic fuori

palermo-fiorentina-udinese-kalinic

Le formazioni ufficiali di Genoa-Fiorentina, a Marassi Gasperini sfida Paulo Sousa

Nel ricco pomeriggio della 22/a giornata di serie A, grande attesa per la sfida di Marassi tra Genoa-Fiorentina. I padroni di casa sono reduci dal pari esterno contro il fanalino di coda Verona mentre la Viola, dopo la mini-crisi di due sconfitte di fila, ha ritrovato la vittoria contro il Torino. Match ad alto rischio per entrambe le squadre con il Grifone che rischierebbe di ritrovarsi al 17° posto in classifica, l’ultimo disponibile per conservare la serie A. La squadra di Sousa, in attesa del derby di stasera, vuole mettere punti importanti in trasferta per la lunga corsa alla Champions.

Genoa-Fiorentina, le formazioni ufficiali

GENOA Perin; Munoz, Burdisso, Izzo; Ansaldi, Rincon, Dzemaili, Laxalt; Suso, Pavoletti, Perotti.

FIORENTINA – Tatarusanu; Roncaglia, Gonzalo Rodriguez, Astori; Bernardeschi, Vecino, Borja Valero, Pasqual; Zarate, Ilicic; Babacar.

La parola agli allenatori

Gasperini – “I numeri dicono che dopo Napoli e Juventus, viene la Fiorentina per punti fatti e qualità di gioco. Noi però siamo nella situazione ideale per affrontarla. All’andata fu una sconfitta di misura, non riuscimmo a concretizzare nel finale la superiorità numerica. Quella gara, in cui ci fu un buon impatto, è lo specchio del nostro torneo. Mise in luce pregi e difetti – spiga in conferenza stampa – Tutti ormai abbiamo acquisito consapevolezza di quale sia il nostro compito, l’obiettivo è la salvezza. C’è bisogno delle migliori risorse per rimanere in A, di un ambiente compatto perché la battaglia è aperta”.

Sousa – “La società deve pensare a lavorare e valutare tutto quello che sta facendo, io devo lavorare per continuare ad essere competitivi. Della questione della difesa parlo da agosto, non ho bisogno di farlo ancora, altrimenti passo per quello che piange tutti i giorni. E ad ora sono più preoccupato della gara di domani”.