Milan-Inter, le formazioni ufficiali: l’esordio di Eder, fuori Icardi

Milan-Inter, le formazioni ufficiali: l’esordio di Eder, fuori Icardi

icardi pallone

E’ ormai quasi tutto pronto a San Siro per il derby di Milano: Milan-Inter. La stracittadina milanese chiuderà nella splendida cornice del Meazza la 22/a giornata di Serie A. Obiettivo bottino pieno per entrambe le compagini pronte a darsi battaglia per portare a casa tre punti preziosissimi. I rossoneri vivono un momento di ripresa nonostante il pareggio per 2-2 in casa dell’Empoli della scorsa settimana e proveranno a dar seguito alla vittoria in Coppa Italia contro l’Alessandria. L’Inter di Mancini dovrà invece rialzare la testa visto il momento di leggero appannamento confermato dall’1-1 in casa contro il Carpi dell’ultimo turno di Serie A.

Milan-Inter, le formazioni ufficiali:

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Romagnoli, Antonelli; Honda, Kucka, Montolivo, Bonaventura; Niang, Bacca

Allenatore: Mihajlovic

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Santon, Miranda, Murillo, J. Jesus; Medel, Brozovic; Eder, Ljajic, Perisic; Jovetic

Allenatore: Mancini

ARBITRO: Damato di Barletta

Le parole dei tecnici in conferenza stampa

Mihajlovic: “Per noi l’ultima possibilità per ambire alle parti alte della classifica. Sappiamo di avere tutte le qualità per poterli battere, nelle ultime partite li vedo in flessione. La dottoressa Berlusconi ha ragione, la classifica dice che siamo da Europa League – annuisce l’allenatore -. Sta a noi migliorarla e riuscire ad agganciare i primi tre posti in classifica. Se ci dovessimo riuscire lei sarebbe la prima a essere contenta di essere smentita. L’ambiente a Milanello è sempre stato sereno e fiducioso. Abbiamo trovato equilibrio e una nostra identità. Se non fossimo stati uniti saremmo sprofondati. Il nostro problema è chiudere le partite, è successo anche contro l’Alessandria. Hanno un grande cinismo e invidio la loro classifica, sono 8 punti davanti ma noi potevamo averne 6-7 punti in più. Però il campionato è lungo e se vinciamo… Eder? Ho perso il conto di quanti giocatori ha preso l’Inter, quelli della Panini dovranno fare una pagina in più sull’album…”

Mancini: “Non è che Eder arriva, entra e risolve già tutto. Avrà bisogno di tempo. Noi a gennaio abbiamo avuto un momento di flessione. Come capita a tutti. Speriamo di venirne fuori presto. con u n cambio di marcia. Siamo comunque tra le prime. Restiamo compatti, niente è compromesso. Il derby è importante ma non decide niente. Se si vince, ritroviamo tranquillità e consapevolezza. Ma il Milan sta meglio di noi. “