Chievo-Juventus: Dybala corre più di tutti, Morata MVP

Chievo-Juventus: Dybala corre più di tutti, Morata MVP

juventus pogba dybala

Dodicesima vittoria consecutiva in campionato per Max Allegri in Chievo-Juventus: il livornese aggancia il record di vittorie di Antonio Conte e mette nel mirino Genoa e Frosinone per migliorarsi prima del big match contro il Napoli. Al Bentegodi la Juventus è stata padrona del campo per 90 minuti: possesso palla del 71% della squadra di Allegri, che è piaciuta molto per la sua capacità di dialogare nello stretto. Appena quattro i lanci lunghi contro i quattordici dei clivensi, tredici occasioni da gol contro le due dei padroni di casa. Un bombardamento vero e proprio: ventisei tiri totali, dodici nello specchio protetto da Bizzarri, quattro trasformati in gol.

Se andiamo ad esaminare le prestazioni dei singola diramate dalla Lega Serie A possiamo notare come, per la prima volta in stagione, Claudio Marchisio non rientri fra i primi cinque bianconeri per chilometri percorsi. Il numero 8, solitamente leader della classifica, contro il Chievo ha sprecato poche energie: a correre più di tutti ci ha pensato l’imprendibile Paulo Dybala che, nonostante non abbia messo lo zampino in nessuna marcatura, è stato fra i migliori in campo. Dopo l’argentino Morata, che sopravanza Pogba di una manciata di metri, Alex Sandro ed Andrea Barzagli. Il brasiliano della fascia sinistra è il solito leone, miglior recuperatore di palloni in campo (non è una notizia), anche se ha sbagliato molto: i giocatori abituati a cercare la giocata sono decisamente penalizzata nella classifica delle palle perse, molto più rilevante per valutare le prestazioni dei difensori.

Più impreciso del solito è stato infatti Leonardo Bonucci: solito metronomo in fase di impostazione, allo scadere serve Pogba con un lancio di quaranta metri. Nel corso del match è tuttavia troppo distratto e perde quattro palloni, regalando di fatto l’unica vera occasione pericolosa agli avversari. Partita dalle due facce per Roberto Inglese: segnalato come MVP del Chievo, ha corso moltissimo (secondo, dietro solo a Nicola Rigoni) ed ha avuto l’unica occasione del match per la squadra di Maran, ma ha perso anche una miriade di palloni, sei, il peggiore dei suoi.

Chievo-Juventus, gli highlights del match