Fiorentina-Inter, le partite storiche: ‘Franchi’ teatro di grande sfide

Fiorentina-Inter, le partite storiche: ‘Franchi’ teatro di grande sfide

fiorentina-inter

Fiorentina-Inter di domenica sera è il match che chiuderà degnamente la 25/a giornata contrassegnata dalla sfida scudetto tra Juventus e Napoli di ventiquattrore prima. Crocevia della stagione per entrambe le squadre, reduci da un periodo tutt’altro che brillante nelle ultime settimane (due successi nelle ultime sei gare per i viola, soltanto uno per i nerazzurri) e distanti un solo punto in classifica, con gli uomini di Paulo Sousa avanti e forti del vantaggio negli scontri diretti dopo il roboante 1-4 conquistato a San Siro nella gara d’andata. Fiorentina e Inter si sono affrontate 77 volte al Franchi di Firenze, con un bilancio decisamente favorevole ai toscani che in 27 occasioni si sono assicurati l’intera posta in palio; 32 i pareggi, 18 le vittorie nerazzurre. Gare spesso avvincenti e piene di gol, come le quattro che abbiamo selezionato, contrassegnate dalle giocate di tanti fuoriclasse del passato e del presente come Baggio, Matthaus, Batistuta, Ronaldo, Ibrahimovic e Toni, senza dimenticare Jovetic e Ljajic, ex della gara, giustizieri dell’Inter nella sfida di tre anni fa.

FIORENTINA-INTER 4-3, 12.02.1989

La stagione ’88-’89, è quella dei record per l’Inter di Giovanni Trapattoni che riesce nell’impresa di conquistare 58 punti dei 68 disponibili, in un campionato tornato a 18 squadre. Eppure quel giorno a Firenze accade l’imprevedibile, con i nerazzurri rimontati due volte dalla Fiorentina di Sven Goran Eriksson. Laureatasi campione d’inverno la settimana precedente, la corazzata interista subisce uno storico e rocambolesco 4-3 dopo essere passata in vantaggio con Lothar Matthaus su calcio di rigore e aver subito la reazione dei viola che grazie alle reti di Baggio e Cucchi ribaltano momentaneamente la situazione; una doppietta in due minuti di Aldo Serena sembra ristabilire la supremazia degli ospiti, trafitti dalla doppietta del compianto Stefano Borgonovo che approfitta anche di un pasticcio di Bergomi, facendo esplodere di gioia il Franchi. La battuta d’arresto, non compromise tuttavia lo splendido cammino dell’Inter, campione d’Italia a fine stagione.

Roberto Baggio,autore della rete dell'1-1, elude l'intervento di Riccardo Ferri
Roberto Baggio,autore della rete dell’1-1, elude l’intervento in scivolata di Riccardo Ferri.

FIORENTINA-INTER 1-1, 11.02.1998

In lotta con la Juventus di Marcello Lippi, l’Inter si presenta in Toscana nella grande sfida tra due dei migliori attaccanti del campionato e della storia della Serie A: Gabriel Batistuta e Ronaldo. Saranno proprio loro a firmare l’1-1 finale, con i nerazzurri guidati da Gigi Simoni che non riescono a ridurre il distacco dalla capolista, bloccata sullo 0-0 dalla Roma. Il Fenomeno a fine stagione staccherà Batigol di quattro reti (25 a 21), senza riuscire a battere Oliver Bierhoff che si aggiudicherà la classifica marcatori. Splendido il calcio di punizione con fulmina Toldo dal limite dell’area portando in vantaggio i suoi, raggiunti prima del 45’ da un gran gol di Batistuta che su invito dalla destra di Oliveira batte di esterno destro Pagliuca.

Gabriel Batistuta e Ronaldo posano per le foto di rito prima del calcio d'inizio. Sarano loro a firmare l'1-1 finale.
Gabriel Batistuta e Ronaldo posano per le foto di rito prima del calcio d’inizio. Sarano loro a firmare l’1-1 finale.

FIORENTINA-INTER 2-3, 09.09.2006

Nel ricordo di Giacinto Facchetti, scomparso due giorni prima dopo una lunga malattia, Fiorentina e Inter aprono la stagione 2006/2007 con un pirotecnico 2-3 finale, preludio del grande campionato nerazurro, stravinto sulla Roma dopo aver sfiorato quota 100 (alla fine furono 97)  e aver stabilito il primato di 17 vittorie consecutive, oggi nel mirino della Juventus di Allegri. Una doppietta di Cambiasso (commovente nella dedica a Facchetti) e il primo centro in maglia nerazzurra per Zlatan Ibrahimovic portano l’Inter sul 3-0, prima del risveglio viola con Luca Toni che fa tremare fino all’ultimo gli uomini di Roberto Mancini. La Fiorentina di Prandelli, nonostante i 17 punti di penalizzazione inflitti dopo lo scandalo Calciopoli, riuscirà a fine stagione a ottenere il sesto posto alla pari del Palermo, staccando così il biglietto per l’Europa.

Esteban Cambiasso, decisivo con una doppietta, esulta rivolgendo una commovente a Giacinto Facchetti, scomparso due giorni prima.
Esteban Cambiasso, decisivo con una doppietta, esulta rivolgendo una commovente a Giacinto Facchetti, scomparso due giorni prima.

FIORENTINA-INTER 4-1, 17.02.2013

Nel segno di Jovetic e Ljajic, la Fiorentina schianta l’Inter di Andrea Stramaccioni, all’epoca ancora in lotta per il terzo posto dopo l’ottimo girone d’andata culminato nella vittoria allo Juventus Stadium del novembre 2012 (primo k.o. subito dagli uomini di Antonio Conte nel nuovo stadio). Vincenzo Montella sorride e si gode la grande serata del duo balcanico, protagonista con alterne fortune proprio nell’Inter di oggi; non serve ai nerazzurri il gol della bandiera di Cassano, tra i pochi a salvarsi da una disfatta che darà inizio al pessimo finale di stagione, culminato con un deludente nono posto in classifica.

Le doppiette degli ex della gara Stevan Jovetic e Adem Ljajic schiantano l'Inter di Stramaccioni.
Le doppiette degli ex della gara Stevan Jovetic e Adem Ljajic schiantano l’Inter di Stramaccioni.