Neymar, dopo la FIFA ci pensa l’Arabia a censurarlo

Neymar, dopo la FIFA ci pensa l’Arabia a censurarlo

neymar spot

Neymar è un personaggio amatissimo in Brasile e non solo dagli appassionati di calcio. Oltre ai sostenitori del Barcellona, in tanti ammirano il pupillo di Pelé, che proprio come ‘O’ Rey’ ha cominciato a muovere i primi passi calcistici nel Santos per poi imporsi a livello globale con la maglia della Seleçao e del club blaugrana. Neymar è molto seguito anche in Asia, in particolar modo in Arabia Saudita e dintorni, ed è per questo che la pubblicità che vede il 24enne attaccante come testimonial di McDonald’s è stata letteralmente soppressa dalle autorità saudite, con la giustificazione che il giocatore del Barça è un devoto cristiano e questo andrebbe contro i princìpi religiosi dell’Islam.

BACCHETTONI – Neymar è un cristiano praticante e molte volte non ha nascosto la propria fede con gesti di devozione anche in campo, per cui le motivazioni che avrebbero spinto i vertici politici ed ecclesiastici di Riyad ad operare la censura immediata dei cartelloni pubblicitari con il volto di Neymar non possono che essere riconducibili a ragioni di carattere religioso, secondo quanto affermano i principali media spagnoli. Non a caso sempre Neymar è stato al centro di una vicenda simile non molto tempo fa, con stavolta nientemeno che la FIFA nel ruolo di “carnefice” ad agitare la scure della censura indiscriminata.

neymar censurato

LA FIFA HA AVUTO FIFA – Il massimo organismo calcistico mondiale infatti cancellò la scritta “100% Jesus” dalla fascia che Neymar indossava sulla testa in occasione della cerimonia di premiazione della Champions League dello scorso mese di giugno. La FIFA attraverso il proprio ufficio stampa fece sapere di aver preso tale decisione per non urtare la sensibilità di atleti che professano credo e religioni differenti da quella cristiana. Il ritocco è piuttosto evidente nel video trasmesso da ‘Fifatv’, il canale televisivo ufficiale della FIFA, in cui sulla fascia “incriminata” si riesce a scorgere un alone scuro. Nella circostanza non sono mancati i commenti sarcastici ed ironici nei confronti di questa decisione.