Paulo Sousa: “Tottenham tra le favorite. Zarate salta la Roma? Me lo aspettavo”

Paulo Sousa: “Tottenham tra le favorite. Zarate salta la Roma? Me lo aspettavo”

sousa-fiorentina

In programma domani sera allo Stadio Artemio Franchi di Firenze la sfida di Europa League Fiorentina-Tottenham, queste le parole di Paulo Sousa in conferenza stampa: “Il Tottenham è diverso dalla scorsa annata, i giocatori che già c’erano sono maturati nel gioco e nella competitività. Riescono a ruotare e mantenere comunque un livello altissimo. Questo, per una stagione lunga ed importante, vuol dire veramente tanto. Hanno molta qualità. Con Della Valle non ho parlato, ma non devo chiedergli niente. Si parla sempre della sua assenza, ma credo che verrà appena può. In Europa sono i dettagli a fare la differenza, credo che il lavoro ed i risultati indichino che stiamo facendo bene e possiamo rimanere in Europa anche il prossimo anno. Dobbiamo pensare positivamente, in tutte le competizioni che affrontiamo”.

“Mi è dispiaciuto molto per Zarate e la sua squalifica, ma non mi aspettavo niente di meno per come conosco il calcio italiano. Ora tocca a noi lavorare per ridurre quello che, secondo me, è immeritato. Non sbagliavo, mi aspettavo che sarebbe arrivato a saltare la sfida con la Roma. Per quanto riguarda Astori dipende da lui, la nascita di un figlio è un evento unico e bisogna vedere anche quanto durerà il parto. Se torna ad aiutarci saremmo contenti. Babacar è con noi ed è sempre pronto, credo che il miglior modo di mostrare continuità emotiva sia stato l’approccio in 5 minuti contro l’Inter. Abbiamo molta voglia di aiutarlo a migliorare, sono contento di come sta lavorando e mi auguro possa avere un futuro di altissimo livello”.

“In questo momento questa è la sfida più bella, o poco ci manca. Possibile fare un po’ di turnover. Il Tottenham ha tra le sue fila giocatori importanti, un gruppo di calciatori forti a livello offensivo, oltre ad essere tutti messi bene fisicamente. E’ una squadra che mantiene sempre alta l’intensità e ha una cultura competitiva, per me è tra le favorite per vincere l’Europa League”.