Aogo derubato in aeroporto: “Mi hanno sottratto la valigia”

Dario Marotta
18/02/2016

Aogo derubato in aeroporto: “Mi hanno sottratto la valigia”

aogo 2

 

Non è iniziata sotto una buona stella la trasferta dello Shalke 04, impegnato in Ucraina per la gara di andata dei sedicesimi di finale di Europa League contro lo Shakhtar Donetsk. Protagonista di una singolare quanto spiacevole vicenda, il terzino tedesco Denis Aogo. Il calciatore, poco prima di imbarcarsi sul volo insieme ai compagni e allo staff del club tedesco, ha rilasciato una breve intervista ai giornalisti presenti. Domande sul match, sulle difficoltà ambientali, sull’alto tasso qualitativo degli avversari e sulle possibilità di ipotecare il passaggio al prossimo turno. Tra una risposta e l’altra, Aogo ha però dimenticato di dare un’occhiata al bagaglio personale, lasciato poco distante e immediatamente adocchiato dai soliti ignoti che nel giro di pochi istanti lo hanno fatto sparire. Oltre al danno la beffa: insieme alla vigilia, sono scomparsi gli effetti personali, la carta d’imbarco e il passaporto, necessario per poter raggiungere il territorio ucraino.

In un primo momento, il calcaitore ha rischiato di non poter unirsi al gruppo e di dover rinunciare alla trasferta per motivi di ordine burocratico ma la società tedesca si è immediatamente attivata per ottenere un lasciapassare temporaneo, giustificato dal furto subito dal suo tesserato. Una buona notizia che ha reso meno amara la giornata del fluidificante teutonico. In un primo momento, Aogo aveva pensato ad uno scherzo architettato dai compagni di squadra ma poco dopo si è reso conto, tra lo stupore generale, di essere stato vittima di un furto: “Mi è stata rubata la valigia, c’era tutto all’interno”. Poche parole dettate dallo sconforto e dalla rabbia. Eppure Aogo non si è dato per vinto, facendo di tutto per partecipare alla trasferta: ha prima ottenuto un passaporto sostituivo e poi è riuscito a rimediare un bagaglio alternativo per volare in Ucraina. Una mattinata movimentata e fuori dall’ordinario ma Aogo, nonostante tutto, è riuscito a spuntarla.