Donadoni: “Contro la Juventus dobbiamo lavorare su noi stessi”

Claudio Cafarelli
18/02/2016

Donadoni: “Contro la Juventus dobbiamo lavorare su noi stessi”

donadoni

Vigilia di campionato per Roberto Donadoni che si appresta ad affrontare la Juventus capolista. Il tecnico rossoblu ha incontrato la stampa nella classifica conferenza prepartita ed ha analizzato la sfida Bologna-Juventus puntando più sulle possibilità dei padroni di casa di poter migliorare piuttosto che fare riferimento alle difficoltà di un impegno del genere. Donadoni, infatti, non ha accennato all’impegno Champions che potrebbe distrarre i bianconeri (mercoledì allo Juventus Stadium sfida di andata contro il Bayern Monaco di Pep Guardiola) ma ha puntato tutto sul potenziale della propria squadra: “La capacità di migliorarsi passa anche da questo tipo di partite: se la squadra mette lo stesso tipo di approccio e di intensità in ogni gara a prescindere dall’avversario, meglio crescerà e meno difficoltà troverà. Dobbiamo essere capaci di lavorare molto su noi stessi piuttosto che sugli altri, è l’unica maniera di trarre dei vantaggi”.

Giaccherini e compagni hanno conquistato 27 punti (gli stessi del Milan, 3 in più di Inter e Roma ed uno solo in meno della Fiorentina) in 15 partite con una media di 1,8 a partita ed il desiderio di Roberto Donadoni è quello di poter giocare sempre più partite di questo genere per testare i progressi fatti dalla sua squadra: “Affrontiamo la prima della classe, la più forte in assoluto in termini di risultati, da parte nostra c’è grande entusiasmo e vogliamo che sempre più spesso il Bologna si cimenti in gare di questo valore, perché vorrebbe dire che il nostro livello è più alto della media”

Il mister sa bene quale tipo di organizzazione e di gioco deve esprimere la squadra per poter tenere testa alla Juventus: “Siamo molto focalizzati su ciò che dobbiamo fare, non vogliamo deludere nessuno. Ci aspetta una partita faticosa, che necessita una grande prestazione, al massimo delle nostre possibilità. La palla va gestita bene, non vanno concesse troppe occasioni: la Juventus vorrà continuare il suo trend positivo, ed anche noi”.