Galatasaray-Lazio 1-1, analisi e pagelle: Biglia superstar!

Galatasaray-Lazio 1-1, analisi e pagelle: Biglia superstar!

galatasaray-lazio-matri-denayer

“Finisce 1-1 alla Türk Telekom Arena. Lazio e Galatasaray si danno battaglia fino al 90′ senza però che nessuna delle due formazioni riesca a prevalere del tutto sull’altra. I padroni di casa partono bene e passano in vantaggio con Sabri, la Lazio si sveglia solo dopo il pareggio di Milinkovic-Savic. Finale incandescente con i biancocelesti che cercano il colpaccio e i padroni di casa che rischiano di mettere a segno la rete del KO con Umut Bulut”

CHIAVE TATTICA 4-2-3-1 contro 4-3-3: Galatasaray-Lazio è un vero e proprio scontro tra “pugili” che se ne danno di santa ragione. Ritmi alti e scorribande da entrambe le parti, la predisposizione offensiva della squadra turca si fa sentire fin dai primi minuti mettendo non poco in imbarazzo la retroguardia biancoceleste, Sneijder e Sabri Sarıoğlu sono gli uomini in più del tecnico Denizli, unici a saper infondere la giusta tecnica ad una manovra decisamente schizofrenica. Alla lunga però esce fuori la Lazio, vuoi anche per le distanze tra i reparti (vistose per quanto riguarda l’11 turco), i ragazzi di Pioli sono guidati alla grande dal “faro” Lucas Biglia la cui sapiente regia permette gli sganciamenti in avanti, a turno, di Parolo e Milinkovic-Savic con il risultato di vedere la linea difensiva del Galatasaray rinculare e, spesso e volentieri, sbandare.

IL MOMENTO Dal 70′ in poi la Lazio non sembra più in grado di poter far male al Galatasaray, escluso il solo Milinkovic-Savic, serata di grazia per lui, nessun biancoceleste si prende la briga di finalizzare l’enorme mole di gioco sintetizzata dalla mediana di Pioli. I turchi ne approfittano per alzare il pressing e cercare di chiudere gli ospiti nella propria metà campo: impresa che riesce solo a metà, per Marchetti qualche brivido e niente più.

LA GIOCATA Intorno al 35′ del primo tempo la Lazio avrebbe la chance giusta per portarsi in vantaggio e mettere così una serie ipoteca sulla qualificazione agli ottavi di finale. Su azione insistita da calcio d’angolo la sfera viene scodellata nel mezzo nella zona del solito Milinkovic-Savic, il centrocampista serbo ex Genk alza lo sguardo e prova un avvitamento decisamente sui generis nel vano tentativo di mettere a punto una specie di colpo dello “scorpione”; l’impatto con il pallone è però semi-inesistente, ghiotta occasione gettata al vento da parte del giovane biancoceleste.

I PROTAGONISTI Due nomi su tutti per la Lazio: Lucas Biglia Sergej Milinkovic-Savic. Il capitano biancoceleste è l’anima della formazione di Pioli, bravissimo leggere l’azione e a muoversi di conseguenza senza perdere mai di vista i propri compiti di costruzione e interdizione, per non parlare poi delle traiettorie velenose che è capace di disegnare sui calci piazzati. Per il classe 1995 match di livello assoluto, un gol e tantissima quantità in mezzo al campo, avrebbe anche l’occasione di mettere a segno il personalissimo bis, peccato decida di addormentarsi proprio sul più bello. Per il Galtasaray bene, forse benissimo, Chedjou, una vera e propria diga in mezzo al campo per i padroni di casa.

Galatasaray-Lazio, tabellino:

Galatasaray (4-2-3-1): Muslera 5; Denayer 6, Hakan Balta 6,5, Carole 5,5 (70′, Olcan Adin 6), Koray Günter 6; Chedjou 7, Donk 5,5; Sabri Sarıoğlu 6,5 (78′, Umut Bulut 6), Selçuk İnan 5, Sneijder 6,5 (88′, Yasin sv); Podolski 5,5. All. Denizli.

Lazio (4-3-3): Marchetti 6; Hoedt 5, Mauricio 5,5, Radu 6, Konko 5; Milinkovic-Savic 7, Parolo 6, Biglia 7; Felipe Anderson 5,5 (58′, Candreva 6,5), Lulic 5,5 (89′, Mauri sv), Matri 5,5 (69′, Klose 6). All. Pioli.

Gol: Sabri Sarıoğlu 12′, Milinkovic-Savic 21′

Ammoniti: Donk, Parolo, Biglia

Espulsi:

Stefano Mastini