Inter, il ritorno di Mourinho a San Siro: sei anni dopo le manette

Inter, il ritorno di Mourinho a San Siro: sei anni dopo le manette

1989913-moratti

Dopo la trionfale annata dello scorso anno, culminata con il successo in coppa di lega e la splendida vittoria della Premier League a distanza di circa 8 anni dall’ultima volta sulla panchina del Chelsea, da Josè Mourinho in questo 2015/16 ci si aspettava la classica riconferma ad alti livelli con i ‘Blues’, puntando magari anche alla tanto agognata Champions League mai conquistata con la squadra londinese. La stagione si è sviluppata però in modo decisamente diverso dal previsto a cominciare dalla sconfitta nel Community Shield perso ad agosto contro l’Arsenal, fino anche ad arrivare ai risultati estremamente negativi messi insieme soprattutto in Premier League. Una squadra lontanissima da quella bella e vincente dello scorso anno ma soprattutto poco coesa e compatta. A metà dicembre la clamorosa decisione della dirigenza inglese: esonero per Mourinho sul quale hanno pesato i risultati stagionali che vedevano in quel momento il Chelsea sedicesimo e lontanissimo dalla vetta dopo altrettante gare.

FUTURO – Ora l’indecisione sul prossimo futuro di Mourinho la fa da padrona. Lo Special One è infatti diviso tra un complicato ritorno al Real Madrid dove non si è lasciato nel migliore dei modi con l’ambiente e un possibile approdo al Manchester United come post-Van Gaal, assolutamente disastroso. Intanto però un grande ritorno nell’immediato potrebbe avvenire a Milano con una comparsata del portoghese a San Siro in occasione di Inter-Sampdoria. Non si tratta ovviamente di una trattativa ne tantomeno di un indizio sul futuro di Mou che è stato semplicemente invitato a guardare il match contro i blucerchiati dall’ex presidente Massimo Moratti con il quale pranzerà sabato pomeriggio prima di osservare l’Inter di Mancini all’opera in campionato.

MORATTI – Anche l’Inter come lo Special One non conosce perfettamente il proprio futuro e vive un periodo di appannamento. Chissà che la presenza del portoghese in tribuna così come quella del ‘Fenomeno’ Ronaldo non possa infondere la giusta motivazione ai ragazzi di Mancini. Intanto proprio Moratti ha spiegato all’Ansa la presenza di Mou per sabato sera: “Credo che Mourinho verrà sabato sera a San Siro. Un regalo ai tifosi? È a lui che fa piacere venire a Milano. È la storia del club nerazzurro e la sua presenza rafforza ancora di più la sua società. Avevamo in programma un pranzo qui o a Londra – prosegue Moratti – e abbiamo colto l’occasione della partita contro la Sampdoria per vederci”.

MANETTE – Coincidenza vuole che il ritorno interista di Josè Mourinho a San Siro coincida con Inter-Sampdoria esattamente a distanza di 6 anni dal suo ultimo Inter-Samp proprio del 20 febbraio 2010. Il match non fu molto fortunato per la corazzata di Mou che chiuse la gara in nove uomini a causa di due espulsioni che fecero infuriare e non poco proprio il portoghese che passò così alla storia della Serie A per il famigerato gesto delle manette che prese di li a poco piede anche sul web. Pronto quindi il ritorno del vincitore del ‘Triplete’ a San Siro che spera ovviamente in un epilogo differente.