Braida a Fox Sports: “A Barcellona prima del calciatore esiste l’uomo”

Braida a Fox Sports: “A Barcellona prima del calciatore esiste l’uomo”

Ariedo-Braida-735x400

Ariedo Braida si è confessato ai microfoni di Fox Sports (canale 204 di Sky) parlando a 360 gradi del Barcellona, Luis Enrique, della cantera blaugrana, del Milan e del Sassuolo. L’intervista integrale, a cura di Roberto Marchesi, andrà in onda il 19 febbraio alle 20.15 su Fox Sports (canale 204 di Sky) e in replica il 20 febbraio alle 12.45 e alle 23.00. L’ex direttore sportivo del Milan si è soffermato, in primis, sul Barcellona: “Ora faccio il consulente al Barcellona e vivo intensamente questa esperienza. Quando arrivi in questa città senti questo stato di appartenenza ed è una cosa che ha un grandissimo valore. Si sente nell’aria. Lo vivi ovunque. Il progetto della cantera si basa sul fatto che prima del calciatore c’è l’uomo e questa è una cosa fondamentale. Bisogna creare degli uomini consapevoli di quello che è la realtà umana, di cosa rappresenta un calciatore, è un punto di riferimento, sono importanti per tutti i tifosi”.

Su Luis Enrique, allenatore del Barcellona, ha detto: “Luis Enrique ha iniziato in una realtà molto difficile come Roma, non dico sia una mangia allenatori però… In Spagna una realtà come Barcellona chiede tanto, ma ti mette a disposizione anche molto. Luis Enrique è stato bravo a gestire, a preparare, a dare la sua identità a questa squadra”.

Un pensiero riguardo il suo periodo al Milan: “Non c’è un ricordo in particolare della mia esperienza al Milan. Ce ne sono tantissimi. Da quando ho iniziato. Tutti i giocatori che sono arrivati da Gullit, a Boban fino a Thiago Silva e Ibra. Ieri ho sentito Pato che era appena sbarcato a Londra e voleva salutarmi. Sento spesso Kaka dall’America. Mi chiama. Sono affezionato, è difficile avere un solo ricordo. Sono tutti miei figli”. Sul Sassuolo: “In italia una realtà molto interessante è il Sassuolo. E’ una piccola, grande società. Una piccola città che riesce a mantenersi ad alto livello. Il calcio italiano è difficile ma loro sono organizzati bene. Il patron è una persona molto importante”.

Sui fondi di investimento e il mercato chiuso per i club fuori bilancio ha concluso: “I fondi di investimento sono serviti per i Paesi che probabilmente avevano problemi di tipo economico. Quindi in quel momento i fondi ti possono aiutare, ma alla lunga non ti portano troppo beneficio. Lo stop al mercato, invece, ti crea un gap ma è un momento che può essere vissuto per riflettere per poi ripartire. Fermarsi per un po’ può far bene perché siamo talmente presi dalle spinte mediatiche per le acquisizioni di calciatori che poi si comprano giocatori sovra pagati e non all’altezza. Insomma credo che fermarsi ogni tanto possa fare bene”.