Verona-Chievo 3-1 analisi e pagelle: vittoria d’orgoglio per Toni & co.

Verona-Chievo 3-1 analisi e pagelle: vittoria d’orgoglio per Toni & co.

toni

Termina con il risultato di 2-1 il derby del ‘Bentegodi’, Verona-Chievo. A segno Toni e Pazzini per i padroni di casa e Pellissier per gli ospiti.

LA CHIAVE TATTICA – Consueto 4-4-2 per il Verona, marchio di fabbrica di Gigi Delneri. Pisano e Fares sulle fasce hanno il compito di creare sovrapposizioni con Wszolek e Siligardi integrando le caratteristiche offensive di quest’ultimi, mentre in mezzo al campo Ionita ha il ruolo di incursore e lo svolge bene, specialmente sui calci piazzati. Ogni pallone dei ‘Mastini’ passa infine per i piedi di Luca Marrone, il playmaker dei padroni di casa. A turno lui e Siligardi in accentramento provano a pescare il duo Toni-Pazzini in profondità.

Il Chievo risponde con il 4-3-1-2 nel quale Maran affida il ruolo di fulcro del gioco a Birsa: tutte le ripartenze vedeno lo sloveno protagonista, complice anche il baricentro spesso basso della sua squadra. Cacciatore e Frey contengono più che spingere e la presenza a sinistra del francese lascia intuire le intenzioni di Maran, con lo schieramento difensivo che si compatta a 3 lasciando lo stesso Cacciatore libero di sganciarsi a destra. L’atteggiamento complessivo del Chievo nei primi 45′ è però timido a causa di un centrocampo poco robusto, in questo senso pesano le mancanze di Hatemaj e Radovanovic. Nella ripresa a sorpresa esce Birsa, il migliore dei suoi nel primo tempo, per fare posto a M’Poku. Lo sloveno resta negli spogliatoi per un malanno fisico.

Nella ripresa il Chievo guadagna qualche metro ma il Verona ha il merito di sfruttare un contropiede finalizzando con Pazzini, e con il 2-0 a favore Delneri si copre inserendo il difensore Albertazzi per l’esterno offensivo Siligardi. Presto arrivano diverse svolte in sequenza: rigore per il Chievo con annessa espulsione di Moras, Pellissier realizza dal dischetto ed accorcia le distanze ma anche Spolli guadagna anzitempo gli spogliatoi, con entrambe le squadre che alla fine terminano la gara in 10 uomini. Il secondo tempo vede duelli maggiormente intensificati a fronte di una prima frazione di gioco esclusivamente di marca Verona, che con questo successo si tiene in scia al Carpi penultimo in classifica. Chievo fermo al 12° posto con 31 punti.

I PROTAGONISTI – Toni e Pazzini trascinano il Verona nella vittoria del derby con i gol decisivi e non solo: ottimo il lavoro di sponda specialmente da parte del centravanti di Pavullo. Altra grande prova poi per Marrone e Ioniță. Nel Chievo si salvano solo Inglese e Bizzarri.

IL MOMENTO – Il calcio di rigore in favore del Chievo, nella cui circostanza c’è anche l’espulsione per doppia ammonizione del veronese Moras, potrebbe dare il là ad un cambiamento netto della partita, con gli uomini di Maran che per oltre 20 minuti avrebbero potuto godere anche della superiorità numerica. Invece il Verona rischia di fare 3-1 poco dopo e ci pensa Spolli poi ad affondare ogni velleità di pareggio dei suoi.

LA GIOCATA – L’1-0 del Verona al 29′ è abbastanza concitato: Toni si incarica di calciare un rigore, Bizzarri gli neutralizza la conclusione ma l’esperto bomber è lesto a rimediare all’errore con un comodo tap-in. Rete che premia gli sforzi dei padroni di casa con il vantaggio più che meritato per quanto fatto nel primo tempo ed in particolare nella partita. Segnaliamo però anche il meraviglioso gol di Ioniță nelle ultimissime battute del match.

 

VERONA-CHIEVO 3-1 TABELLINO E PAGELLE

HELLAS VERONA (4-4-2): Gollini 6; Pisano 6, Moras 5.5, Helander 6, Fares 6.5 (68′ Emanuelson 6); Wszolek 6.5, Marrone 6.5, Ioniță 7, Siligardi 6.5 (60′ Albertazzi 6); Toni 7, Pazzini 7 (74′ Bianchetti 6)
A disp.: Coppola, Marcone, Gilberto, Samir, Rômulo, Greco, Furlan, Rebic, Janković, Albertazzi, Gómez
All.: Delneri 7

CHIEVO VERONA: (4-3-1-2): Bizzarri 7; Cacciatore 6, Cesar 5.5, Spolli 4, Frey 5.5; Pinzi 5 (67′ F. Costa 6), Rigoni 5.5, Castro 5.5; Birsa 6 (46′ M’Poku 5.5); Pellissier 6 (75′ Floro Flores sv), Inglese 6.5
A disp.: Seculin, Bressan, Dainelli, Sardo, Costa, Damian, Ninković
All.: Maran 5


MARCATORI:
29′ Toni (V), 57′ Pazzini (V), 71′ rig. Pellissier (C), 94′ Ioniță
AMMONITI: 
Moras x2, Wszolek (V), Frey, Pinzi, Spolli x2, Rigoni (C)
ESPULSI:
Moras (V), Spolli (C)
ARBITRO:
 Guida di Torre Annunziata