Spalletti granitico: “Se Totti non va via mi dimetto”

spalletti-totti-e1452695140696

Incredibile retroscena svelato da Repubblica su quanto accaduto nella mattinata di ieri fra Luciano Spalletti e Francesco Totti: secondo quanto riportato dal quotidiano l’allenatore della Roma avrebbe lanciato un aut-aut importante alla società, dicendo chiaramente al presidente Pallotta “o va via oppure potrei lasciare“. Parole decisamente pesanti, che hanno portato la società a schierarsi apertamente col suo allenatore, concedendogli pieni poteri e portando all’allontanamento del capitano giallorosso dal ritiro di Trigoria, dove la squadra stava preparando il match contro il Palermo.

In serata poi il 5-0 dei giallorossi sul Palermo ha fatto filtrare qualche raggio di sole sull’ambiente teso della Lupa, nonostante i tifosi si siano schierati apertamente con il Capitano presente in tribuna, fischiando il nome dell’allenatore al momento dell’annuncio da parte dello speaker. Nel post partita la situazione è apparsa più distesa, con Spalletti che ha dichiarato di non avere “nessun problema con Francesco, domani mattina sarà regolarmente all’allenamento. Io sono l’allenatore e devo fare delle scelte”.

Nonostante le apparenze secondo la Gazzetta dello Sport il futuro in casa giallorossa è ancora plumbeo: la rosea fa notare come uno fra Spalletti e Totti sia di troppo e che uno dei due con ogni probabilità lascerà la Capitale a fine stagione. I tifosi sembrano non avere dubbi sulla fazione in cui schierarsi, anche se una buona parte, razionalmente, pensa che il mister di Certaldo non abbia tutti i torti. Un fattore che la società e Pallotta terranno in forte considerazione è legato al marketing: il 60% delle maglie giallorosse vendute nel mondo portano il numero 10 e il nome di Francesco Totti, e non si può non tener di conto che la partenza dello storico capitano potrebbe avere ripercussioni dal punto di vista finanziario oltre che tecnico.

Nei prossimi giorni sono attesi sviluppi: nella prossima giornata di campionato la Roma affronterà l’Empoli, per poi iniziare a preparare il big match che sa di spareggio per il terzo posto contro la Fiorentina. Con cinque vittorie consecutive la Roma spallettiana viaggia col vento in poppa, ma bisogna far attenzione a non trasformarlo in tempesta.