SHARE

spalletti_roma_verona17012015_2-11-630x415

La 28/a giornata di Serie A sarà ancora una volta inaugurata da un anticipo del venerdì per giunta di altissimo livello: Roma-Fiorentina. Giallorossi e viola si fronteggeranno domani sera a partire dalle 20.45 all’Olimpico. Le due squadre di Spalletti e Paulo Sousa arrivano allo scontro diretto con lo stesso bottino di punti, 53, ed identica posizione in classifica, proprio alle spalle del duo di testa composto da Juventus e Napoli. Momento di forma super della Roma che grazie alla cura Spalletti ha ben presto ripreso una tabella di marcia di buon livello scalando così posizioni ed accumulando punti a suon di vittorie consecutive. Prendendo in esame le ultime cinque sfide di Serie A infatti i giallorossi possono vantare un percorso netto composto solamente da successi mentre i ragazzi di Sousa sono reduci dal pari interno contro il Napoli e hanno messo insieme 11 punti sui 15 disponibili finendo alle spalle della Juventus e della stessa Roma in questa speciale classifica. All’andata furono i capitolini ancora sotto la guida di Garcia a sbancare il Franchi mentre i confronti diretti della passata stagione furono addirittura cinque considerando oltre alla Serie A anche la gara secca di Coppa Italia e la doppia sfida di Europa League. Il computo totale andò in favore della Fiorentina con due successi (entrambi fuori casa, nelle coppe), due pareggi (entrambi per 1-1 al Franchi in EL e Serie A) ed infine un KO rimediato all’Olimpico nella primissima giornata di campionato con un secco 2-0.

OPERA D’ARTE VS CAPOLAVORO – Luciano Spalletti ha parlato, tra le altre cose, appunto del confronto tra Roma e Fiorentina in conferenza stampa paragonando la viola ad un’opera d’arte e i giallorossi ad un capolavoro: “Si somigliano perché entrambe vogliono comandare il gioco e entrambe hanno centrocampisti abili e palleggiatori. Si fa possesso, si obbliga a far scoprire l’avversario, in questo si assomigliano; loro sono bravi ad interpretare il gioco altrui, di far girare la palla a 3 e a 4, e creano insidie adattandosi all’avversario. Bisognerà essere bravi in questa gara, ma io ho fiducia nei miei giocatori. Se la viola ha creato un’opera d’arte, i miei ragazzi hanno fatto un capolavoro in queste ultime partite nel ribaltare la situazione, prendere conoscenza di cose nuove e nell’avere quella solidità mentale che ti consenta di lottare fino in fondo”.

CLICCA QUI PER LA CONFERENZA INTEGRALE

SHARE