SHARE

Artemio Franchi

Entro l’estate ci si potrà sposare nello stadio della Fiorentina: l’Artemio Franchi verrà dunque utilizzato anche per tale funzione religiosa.

Mai come nel mondo del calcio il concetto di amore è più che evoluto: nonostante il pendolo tra delusioni e gioie, il vero tifoso non abbandonerà mai la squadra alla quale ha dichiarato i suoi sentimenti. La fedeltà, in tal senso, è garantita. C’è però da tenere conto che non l’essere umano non vive di solo calcio e che, dunque, l’amore “reale” va corrisposto a reali persone. Ora, però, queste due relazioni spesso parallele potrebbero unirsi maggiormente anche a Firenze, poiché molto presto nello stadio Artemio Franchi ci si potrà anche sposare.

L’impianto della Fiorentina, infatti, verrà utilizzato anche per tale cerimonia religiosa o civile. A renderlo noto colui che ha proposto l’idea in Consiglio Comunale, ovvero Michele Pierguidi: “17 voti a favore, un astenuto. Praticamente l’unanimità: adesso la proposta arriverà al Consiglio comunale che dovrà ratificarla e modificare la delibera sui matrimoni che oggi già consente di sposarsi a Palazzo Vecchio o in altri luoghi della nostra magnifica città. Abbiamo visto altri casi già presenti in Italia, è un fenomeno molto diffuso in Germania ed in Inghilterra e crediamo che un pubblico come quello fiorentino possa avere il piacere e l’interesse di sposarsi nel luogo che più ama. E devo dire che i riscontri sono positivi…Si pagherà un canone come lo si paga ora per Palazzo Vecchio… e così, sarà possibile dirsi sì per sempre nel cerchio di centrocampo del Franchi. Bisognerà togliere le barriere architettoniche, sistemare i servizi igienici e coprire lo stadio perché è impensabile che oggi a Firenze sia scoperto. Lo stadio, anche quando verrà costruito quello nuovo, rimarrà un bene del Quartiere e deve essere appetibile. Credo che il 24 giugno, per San Giovanni, oltre alla finale del Calcio storico potremmo avere anche il primo matrimonio al Franchi”, ha dichiarato Pierguidi a Goal.com.

SHARE