SHARE

rp_Rolando-Maran.jpg

Rolando Maran, allenatore del Chievo, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel post-partita del match perso contro il Napoli: “Ci abbiamo provato contro un buon Napoli che è stato bravo a riequilibrare la partita, ci abbiamo provato anche nella prima parte del secondo tempo, abbiamo avuto l’occasione di pareggiare, poi col terzo gol del Napoli è diventato più difficile. La squadra è stata anche generosa, dobbiamo rimboccarci le maniche e andare avanti. La squadra ha fatto quello che poteva. Non siamo riusciti a chiudere la parte destra e abbiamo sofferto un po’ sulla fascia destra. Abbiamo cambiato alcune caratteristiche. Al di là di costruire per l’anno prossimo dobbiamo finire in crescendo ed essere consapevoli che dobbiamo crescere di partita in partita. Dall’anno scorso a oggi è cambiato molto, ma abbiamo ancora grossi margini di miglioramento per crescere sotto questo aspetto”.

Nicola Rigoni, autore del primo gol della partita, è intervenuto ai microfoni di Sky: “Abbiamo provato a portar via qualche punto, fortunatamente abbiamo trovato il gol subito. Poi abbiamo fatto ciò che abbiamo trovato in allenamento, ma loro sono molto forti. Juve e Napoli sono alla pari, hanno un bel gioco, sono entrambe pericolose, se la giocheranno fino alla fine. La dedica? Alla mia famiglia e alla mia bambina nata qualche mese fa. Spero di regalare altri gol ai tifosi gialloblu da qui a fine stagione”.

Gennaro Sardo, difensore napoletano del Chievo, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: “Avevo anticipato che a Napoli non avremmo messo un bus davanti alla porta, non lo abbiamo fatto in passato e non è accaduto oggi: Maran ci ha dato un’identitá di gioco alla quale restiamo fedeli. Il Napoli ha le carte in regola per vincere lo Scudetto, anche se dal punto di vista della mentalità i bianconeri forse hanno qualcosa in più. Da napoletano, però, il mio augurio è che riescano a spuntarla gli uomini di Sarri”.