SHARE

baldini-lucchese

Dimissioni-shock quelle di Francesco Baldini. Il tecnico della Lucchese è sbottato nel post partita del pareggio rimediato dai suoi uomini contro il Santarcangelo, tirando fuori anche particolari non di poco conto sullo stato attuale della situazione all’interno dell’ambiente toscano.

BALDINI CONFERENZA STAMPA Queste le parole nel post partita di LuccheseSantarcangelo di Francesco Baldini “Così non si può andare avanti. La situazione nello spogliatoio è insostenibile e per questo do le dimissioni al presidente e poi spiegherò alla società quello che c’è bisogno in questa squadra – spiega l’ex Sestri Levante – Quando sono andato via io doveva essere mandato via Mularoni, che è un mio uomo e non poteva dare il 100 per cento con Lopez, sono tornato io e ci sono stati scontri nello spogliatoio e sono arrivato alle mani con Biato che mi ha dato uno schiaffo e che io ho restituito. Qui qualcuno deve prendere delle decisioni, altrimenti si va allo sfascio. E non è questione di allenatore, che sia Baldini, Lopez, Galderisi o Lippi. Neanche se tornasse Luppi qui la situazione si risolverebbe ora come ora”.

Uno duro sfogo che è poi continuato “Non è possibile andare in campo ed avere sei giocatori che dicono che hanno chi dieci, chi venti minuti nelle gambe, giocatori che vengono da un infortunio. E non è un problema di medico, non si può dare la colpa a chi ha recuperato un giocatore come Sartore che rischiava di dover smettere di giocare. Se devo rimanere per retrocedere rimango, ma in questa situazione io dò le dimissioni, sono pronto a perderci anche dei soldi e a fare quello che il presidente mi aveva chiesto cinque mesi fa. Non è un problema con il presidente o con Giovanni Galli, con cui c’è un ottimo rapporto, ma di una serie di situazioni che proprio non vanno. Così si retrocede tutti quanti”.

Stefano Mastini

SHARE