Caressa: “Sarri metta lo smoking ogni tanto. Balotelli scommessa persa”

Caressa: “Sarri metta lo smoking ogni tanto. Balotelli scommessa persa”

 

fabio-caressa

Fabio Caressa ha parlato poco fa, durante l’edizione pomeridiana di Sky Sport 24, trattando diversi argomenti legati agli allenatori del nostro campionato: da Sarri a Mihajlovic, passando per Donadoni, Conte e Mancini. Il direttore di Sky Sport ha le idee chiare sul candidato ideale alla panchina della Nazionale Italiana. Queste le parole di Fabio Caressa: “Sarri è un allenatore di provincia, ma ora è in una metropoli. Ogni tanto deve mettersi lo smoking. Sarri-Napoli era un salto nel vuoto, ma Sarri-Milan era un carpiato nel vuoto. E’ un tecnico strepitoso, è il nuovo Sacchi, ma deve crescere in alcune cose, come la comunicazione e i rapporti. Mihajlovic, però, non è molto inferiore a Sarri, ha messo bene la squadra in campo, poi Niang si fa male ed è stato sfortunato”.

Poi un passaggio su Mario Balotelli, ancora in ombra nel Milan: “Balotelli? E’ una scommessa persa in partenza. Non mi voglio accanire, lui è un bravo ragazzo, ma è stato viziato troppo nel corso degli anni. Si è perso, un patrimonio buttato nel secchio”.

Caressa affronta poi il discorso Nazionale, con Antonio Conte pronto a trasferirsi in Premier League per sedere sulla panchina del Chelsea, e con la necessità di trovare un tecnico pronto per guidare la rappresentativa azzurra: “Conte al Chelsea mi sembra una cosa già fatta. Donadoni al suo posto? No, Donadoni ha già fatto l’allenatore della nostra Nazionale e adesso si merita una grande squadra. Un’idea ce l’ho: Mancini è l’allenatore giusto per la Nazionale. Il tecnico dell’Inter ha esperienza internazionale, è un assemblatore. All’Inter infatti sta facendo sia l’allenatore che l’assemblatore, mi piacerebbe uno che ha uno status, uno che potrebbe rinunciare al lavoro quotidiano del campo per fare il selezionatore. A me sembra il selezionatore giusto. Mancini mi sembra l’ideale”.